Veneto
  1. ANSA.it
  2. Veneto
  3. Ru486: Veneto; lo scorso anno 1.455 interruzioni su 4.086

Ru486: Veneto; lo scorso anno 1.455 interruzioni su 4.086

Ginecologi obiettori sono 252 su 352, il 71,5%

VENEZIA (ANSA) - VENEZIA, 30 SET - Lo scorso anno in Veneto sono state 1.455 le interruzioni di gravidanza effettuate con la somministrazione del Mifepristone, ossia la pillola Ru486, pari al 35,6% su un totale di 4.086. Per una parte di queste terapie - emerge dalle statische ufficiali della Regione - sono state somministrate anche prostaglandine. I dati del 2021 relativi all'utilizzo della "pillola abortiva" sono in netta crescita rispetto al 2020, quando le interruzioni di gravidanza con questa tecnica sono state 669 su un totale di 4.129. Ma il dato sconta la riduzione complessiva delle attività di prescrizione per il lockdown da Covid-19. La somministrazione, spiegano i vertici della sanità regionale, segue le prescrizioni di legge: la donna ne fa richiesta al medico, e viene indirizzata verso le strutture sanitarie pubbliche (ospedali) dove la somministrazione della pillola avviene in sicurezza, sotto il controllo dei sanitari. Non è distribuita ai consultori, che sino 94 nella regione (22 le strutture principali), con 51 equipe multiprofessonali. Negli ospedali veneti, sempre nel 2021, sono 252 i ginecologi obiettori di coscienza su un totale di 352, pari al 71,5%. Sono due i nosocomi con la totalità di medici obiettori, 5 a Vittorio Veneto (Treviso) e 2 a Trecenta (Treviso); per quanto riguarda le strutture più grandi, a Mestre (Venezia) gli obiettori sono 19 su 20, 16 su 18 a Vicenza, 16 su 22 a Padova, 20 su 26 a Verona Borgo Trento.
    (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA



    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere


    Modifica consenso Cookie