Umbria
  1. ANSA.it
  2. Umbria
  3. La Giunta informa
  4. Maltempo: pronto rapporto per richiesta stato di emergenza

Maltempo: pronto rapporto per richiesta stato di emergenza

Alla Protezione civile fatto il punto sulla situazione

(ANSA) - FOLIGNO (PERUGIA), 22 SET - La redazione del Rapporto che supporta la richiesta dello stato di emergenza per l'alluvione in Umbria, è stata l'occasione per fare un primo punto sulla situazione nel Centro della Protezione civile regionale di Foligno. All'incontro convocato dall'assessore alla Protezione civile Enrico Melasecche hanno partecipato infatti tutti gli uffici ed i servizi della Regione che, a partire dal primo pomeriggio del 15 settembre, stanno lavorando ininterrottamente per far fronte alle moltissime segnalazioni che sono pervenute e che continuano a pervenire.
    Il Centro operativo della Protezione civile infatti - sottolinea Palazzo Donini - si è messo immediatamente in contatto con i sindaci fin dalla sera del giorno 15 scorso. I dati meteorologici in possesso del Centro fin da subito hanno destato preoccupazione - viene spiegato - perché mostravano un fenomeno in rapido, pericoloso aumento, come poi si è puntualmente verificato. Ai sindaci è stato chiesto un aggiornamento puntuale e costante sulle situazioni locali e lo stesso assessore regionale, nella serata del 15 settembre, ha personalmente raggiunto al telefono quello di Pietralunga per avere informazioni sulla situazione anche per avere conferma dal funzionario della Protezione civile regionale presente a Pietralunga e Scheggia che i Coc avessero il polso della situazione.
    Nei giorni successivi poi anche altri Comuni hanno iniziato ad inviare segnalazioni scritte sui vari danni riscontrati ed il Centro di Protezione civile ha provveduto ad indirizzare e smistare le varie segnalazioni agli Enti ed Uffici competenti.
    "E tutto ciò - sottolinea la nota dell'Assessorato regionale - nonostante l'organico del personale attualmente in servizio sia carente a seguito di pensionamenti e trasferimenti, sia per la dotazione tecnica che per quella amministrativa".
    L'assessore inoltre è rimasto sempre in contatto con i sindaci che lo hanno chiamato per emergenze di protezione civile.
    Oltre al rapporto costante e continuo con loro, la Regione sta operando anche in stretta collaborazione con Anas. Sul fronte della viabilità infatti sono molto rilevanti i danni che hanno portato alla chiusura della strada statale Flaminia, nel tratto che va da Scheggia fino a Cantiano. Anas - viene riferito ancora - si è impegnata nel procedere entro pochissime settimane ad una prima riapertura, anche parziale, a senso unico alternato, grazie alla consegna del cantiere all'impresa individuata con un accordo quadro, "superando in questo modo le lungaggini tradizionali". Ed il Comune di Scheggia ha messo immediatamente a disposizione un terreno sove depositare i materiali franati sulla Flaminia.
    Rimane "costante" anche l'interlocuzione con Trenitalia per emergenze significative che dovessero accadere ai treni in transito.
    Per quanto riguarda i danni alle infrastrutture ed ai corsi d'acqua si sta procedendo rapidamente ad una prima stima, in base ai dati che giungono alla Regione. Al momento dunque viene sottolineato che non è possibile definire una quantificazione certa. La Regione comunque ha invitato tutti gli Enti ad inviare tutta la documentazione delle spese che vengono sostenute in questa fase dell'emergenza, invitando cittadini e imprese che hanno subito danni che possono certificare a rivolgersi al Comune di riferimento, che provvederà ad inoltrare tutte le richieste ammissibili e documentate.
    La richiesta di stato di emergenza nazionale, firmata dalla presidente della Regione Donatella Tesei, arriverà sul Tavolo del Governo e, se accolta, consentirà anche all'Umbria, insieme alla Regione Marche, di avere a disposizione le prime risorse necessarie per far fronte agli interventi che sono stati realizzati o che si stanno realizzando nei dieci comuni che al momento hanno fatto pervenire segnalazioni. Si tratta di Pietralunga, Scheggia e Pascelupo, Gubbio, Costacciaro, Montone, Città di Castello, Sigillo, Monte Santa Maria tiberina, Nocera Umbra e Gualdo Tadino.
    Melasecche evidenzia ancora l'urgenza dell'approvazione della nuova Legge regionale, attualmente in attesa delle necessarie coperture finanziarie per i casi in cui le emergenze non fossero coperte dal sistema nazionale ma rimanessero di competenza regionale.
    Intanto si avviano a conclusione le operazioni di supporto e di aiuto che la colonna mobile della Protezione civile dell'Umbria sta svolgendo a Senigallia. C'è stato un primo avvicendamento del personale e dei volontari che stanno operando e, se non arriveranno ulteriori indicazioni e richieste di sostegno da parte della Protezione civile nazionale, le attività delle squadre umbre si dovrebbero chiudere entro la prossima settimana. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie