Toscana

Martina Rossi: Cassazione conferma le condanne a 3 anni

Imputati per tentata violenza sessuale. Ricorsi 'inammissibili'

(ANSA) - ROMA, 07 OTT - La quarta sezione penale della Cassazione ha confermato la sentenza della Corte d'appello di Firenze che il 28 aprile scorso ha condannato a 3 anni Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi per tentata violenza sessuale su Martina Rossi. La giovane studentessa genovese morì il 3 agosto 2011 precipitando dal sesto piano di un albergo a Palma di Maiorca, dove era in vacanza con le amiche. I loro ricorsi sono stati dichiarati inammissibili dalla Cassazione. "Non ci deve essere più nessuno che possa permettere di far del male a una donna e passarla liscia. Ora posso dire a Martina che il suo papà è triste perché lei non c'è più, ma anche soddisfatto perché il nostro paese è riuscito a fare giustizia". Lo ha detto Bruno Rossi, dopo la sentenza per la morte della figlia Martina. "Martina è morta in conseguenza di un tentativo di stupro, non esiste un'altra verità. Ora la Spagna chieda scusa per come archiviarono dopo tre ore e affittarono la camera": questo il commento dopo la sentenza dell'avvocato Luca Fanfani, uno dei due legali della famiglia di Martina Rossi. Alcune attiviste di 'non una di meno' si sono radunate oggi davanti al palazzo di Giustizia di Firenze, in concomitanza col processo che si stava tenendo in Cassazione a Roma per la morte di Martina Rossi, la 20enne che perse la vita precipitando dal balcone di un hotel a Palma di Maiorca (Spagna) il 3 agosto del 2011. Le manifestanti hanno esposto uno striscione con la scritta "Non è un caso isolato, si chiama patriarcato". "Martina Rossi non è un caso isolato - ha ribadito una delle attiviste - noi siamo qui perché ci occupiamo di violenza di genere e di questo si è trattato". Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi vennero condannati nell'appello bis a Firenze, il 28 aprile scorso, a 3 anni per tentata violenza sessuale di gruppo. Martina aveva 20 anni quando morì il 3 agosto 2011 Palma di Maiorca, dove era in vacanza. La vicenda processuale è stata lunga. Quello di Martina Rossi non fu un suicidio" ma "il tentativo di fuggire a una violenza di gruppo", come stabilito dalla Corte d'appello di Firenze, haveva detto in requisitoria la pg di Cassazione Elisabetta Ceniccola. La requisitoria si è soffermata in particolare sulla qualificazione del reato, 609 octies, violenza sessuale di gruppo e non in concorso, dalla quale dipendono anche i termini di prescrizione (quello di morte per conseguenza di altro reato è già prescritto ed è uscita dal processo), termini imminenti di cui la sentenza definitiva di condanna ha scongiurato il decorso. Per la pg è giusta la ricostruzione che vede "la compresenza" dei due imputati nella stanza d'albergo di Palma di Maiorca, che "ha influito negativamente" sulla reazione di Martina, "che si è sentita a maggior ragione in uno stato di soggezione e impossibilitata a difendersi". Motivo per cui la ragazza avrebbe scelto una via di fuga "più difficile", che la metteva in pericolo, e non di uscire dalla porta: quindi scavalca la balaustra per salvarsi "non si getta con intento suicidiario". Inoltre Ceniccola ha ricordato che "Martina non aveva i pantaloncini, che indossava, e non sono più stati ritrovati. Per la Corte d'appello - ha sottolineato - era illogico che la ragazza girasse in albergo senza pantaloncini e senza ciabatte". Altri elementi evidenziati dalla pg sono alcune lesioni sul corpo di Martina oltre a quelle riconducibili alla caduta dal terrazzo e i graffi di Albertoni, uno dei due imputati. Chiederanno l'affidamento ai servizi sociali Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, i due trentenni condannati anche in Cassazione a 3 anni per la tentata violenza sessuale a Martina Rossi, la studentessa 20enne morta precipitando dalla terrazza di una camera d’albergo, a Palma di Maiorca, mentre voleva sfuggire ai due. Stamani è stato loro notificato il decreto che prevede la sospensione della pena in attesa che venga stabilita la modalità di espiazione della condanna. "Ora abbiamo 30 giorni per la richiesta dell’affidamento ai servizi sociali", ha spiegato un difensore di Vanneschi, avvocato Stefano Buricchi. "Il decreto è arrivato con estrema puntualità - commenta Stefano Buricchi, difensore di Luca Vanneschi - dal momento che la Cassazione lo manda alla procura generale competente per poi girarlo a quella di Arezzo e a sua volta al domicilio dell'assistito, in questo caso presso gli studi legali. Ora abbiamo 30 giorni per la richiesta dell'affidamento ai servizi sociali, un provvedimento, per fare un esempio eclatante, del tutto simile a quello scelto anni fa da Silvio Berlusconi". Sulla possibilità di scontare un anno di carcere propedeutico ai servizi sociali, cosi come ipotizzato, l'avvocato Buricchi è categorico: "E' escluso categoricamente come riportato sul decreto che sospende la pena. L'affidamento in prova ai servizi sociali è la misura che farà poi espiare loro la condanna". "Luca Vanneschi è molto provato dopo dieci anni di quella che ha definito 'gogna mediatica'. Ora Luca, che ieri è rimasto con i suoi cari, spera di trovare in Europa quella giustizia che non ha trovato in Italia", ha anche riferito l'avvocato Stefano Buricchi, legale di uno dei due aretini condannati a 3 anni per tentata violenza sessuale a Martina Rossi. La sentenza è divenuta definitiva dopo la conferma della Cassazione, Luca Vanneschi, uno dei due imputati, non fa dichiarazioni ma affida al difensore il suo pensiero. "Ho ricevuto mandato dal mio assistito Luca Vanneschi di fare ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo - ha detto il legale - e cosi faremo verificando se ci sono anche i termini per la revisione del processo visto che abbiamo ben 24 testi della difesa che non sono stati ascoltati, compresa la cameriera spagnola che raccontò di aver assistito alla caduta".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie