Sport
  1. ANSA.it
  2. Sport
  3. F1: Verstappen re del Texas, Hamilton si arrende

F1: Verstappen re del Texas, Hamilton si arrende

Strategia perfetta premia l'olandese. Ferrari 4/a con Leclerc

Un bel gran premio, che ha incoronato Max Verstappen e la Red Bull. Ad Austin, nel Gp degli Usa, è finita così, con Lewis Hamilton, che sul circuito texano è 'di casa' in quanto ci ha vinto varie volte, che deve accontentarsi del secondo posto e mastica amaro, visibilmente non soddisfatto. Il sette volte campione del mondo aveva avuto una partenza perfetta, mettendo la sua Mercedes davanti alla Red Bull del rivale che stava in pole e imboccando per primo la curva 1. Poi però Verstappen ha avuto l'intuizione, visto che no riusciva a riprendersi la leadership della corsa, di fare il primo pit stop già all'undicesimo giro e poi, con una prova di forza e una strategia perfetta, è stato bravo a gestire le gomme e a tenere a bada il ritorno del rivale britannico, che si era fermato tre giri dopo il rivale e che alla fine ha chiuso vicinissimo ma sconfitto. L'altra Red Bull, quella del messicano Sergio Perez, ha ottenuto il terzo posto e quindi il podio, per la gioia dei tanti connazionali del pilota presenti fra i 140mila spettatori che oggi hanno assistito all'evento. Promossa, visto che in questo momento non può competere con Red Bull e Mercedes, anche la Ferrari con il quarto posto di Charles Leclerc. Sesta l'altra 'rossa' di Maranello, quella di Carlos Sainz jr., preceduta dalla McLaren di Daniel Ricciardo. Così l'olandese volante ha ottenuto un successo (l'ottavo di questa stagione) di capitale importanza in uno dei circuiti che, almeno sulla carta, sembrava più adatto ad Hamilton, sul quale adesso ha dodici punti di vantaggio in classifica mondiale, a cinque gp dalla fine.

"E' stata una gara durissima - il commento di Hamilton prima della premiazione -, complimenti a Max che ha vinto. Io sono partito bene e ho dato tutto, ma alla fine loro avevano un vantaggio in questo week end e io non potevo fare di più. Una parola vorrei spenderla per il pubblico, che è stato davvero fantastico. Spero che negli Usa si facciano più gare, vorrei venire qui più spesso". Felice, ma come sempre parco di parole, Verstappen, premiato sul podio dalla leggenda della Nba Shaquille O'Neal. "Ho avuto una strategia aggressiva - dice l'olandese - e ha pagato. Avendo perso posizioni in partenza ho provato a fare qualcosa di diverso, anche se su questa pista c'era tanto degrado. Sono anche andato un po' di traverso nell'alta velocità, ma ho tenuto duro e alla fine ho vinto anche se Lewis mi ha messo pressione". Per Sergio Perez "è stata la gara più dura di sempre", ma ora sogna di vivere un giorno speciale fra due settimane, quando nel Gp di casa, in Messico, potrebbe non limitarsi a recitare la parte dello scudiero e quindi inserirsi nell'eterno duello di quest'anno fra il suo compagno Verstappen e King Lewis.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie