Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Ddl Zan, verso la mediazione. Zan: 'Va superata la tagliola di FdI e Lega'

Ddl Zan, verso la mediazione. Zan: 'Va superata la tagliola di FdI e Lega'

Il segretario del Pd Enrico Letta aveva aperto ad una trattativa per alcune "modifiche non sostanziali" al testo

La legge contro l'omotransfobia viaggia su un pericoloso crinale dal quale rischia di cadere senza potersi rialzare. E per cercare di salvarla il segretario del Pd, Enrico Letta, ha lanciato un "warning": tentare un accordo in extremis con le forze politiche che l'avversano, provare a raggiungere un'intesa che non snaturi, però, l'impianto di un provvedimento delicatissimo ma che impatta su una richiesta "di civiltà" che arriva da molte parti della società. Il leader dem ha affidato la difficile partita ad Alessandro Zan, il deputato del Pd che ha dato il nome alla legge di cui è primo firmatario anche se già il testo del provvedimento è il risultato di un lavoro di mediazione tra le forze di maggioranza raggiunto alla Camera. Ma il testo è ora al Senato dove la discussione riprende mercoledì dopo mesi di stallo e con una 'spada di Damocle' sul capo che rischia di far finire tutto su un binario morto.

Mercoledì, infatti, l'Aula di palazzo Madama voterà sulla richiesta di Fdi e di Lega di non procedere all'esame degli articoli della legge: se la Presidente Casellati ne ravviserà gli estremi il voto potrebbe anche avvenire a scrutinio segreto. E' una "tagliola" contro la quale Zan dovrà tentare l'impossibile a stretto giro: per questo già domani incontrerà i capigruppo dei partiti per cercare di trovare un'intesa e salvare la legge senza però "stravolgerla". "La partita è complicata ma sono fiducioso che si troverà un punto di incontro. Non possiamo aspettare, né scherzare sui diritti umani", dice oggi il deputato che si rivolgerà anche a Fdi e Lega: "io sentirò tutti, non ho pregiudizi ma certo è che questi due partiti hanno fatto di tutto per affossare la legge, non di trovare accordo. Ci batteremo perché questo non accada". Condizione per la "trattativa" è tuttavia il ritiro della cosiddetta "tagliola" da parte dei due partiti. Zan incontrerà i capigruppo singolarmente, in una serie di riunioni. Ma l'iniziativa l'ha presa anche il relatore della legge, il senatore leghista Andrea Ostellari. Anche lui ha convocato i capigruppo per un "tavolo politico". Un tavolo di cui però Zan non si fida, per il semplice fatto che è stato convocato da un partito che avversa la legge. Come Fdi. "Anche se fosse leggermente modificato resterebbe inaccettabile" chiarisce infatti Lucio Malan.

 "Alla Camera l'abbiamo approvato, ora è al Senato e il dibattito dev'essere importante anche lì. Però bisogna arrivare a un'approvazione. Se poi ci sono aperture da parte del Pd questa è una questione, ma l'importante è che vada a buon fine il provvedimento". Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico rispondendo a Napoli a una domanda sul ddl Zan.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie