Mondo

In collaborazione con l’Ambasciata del Kazakhstan

Kazakhstan avvia trial clinici per un altro vaccino anti-Covid

Dopo QazVac, di cui Oms valuterà inserimento tra i raccomandati

ROMA

(ANSA) - ROMA, 16 GIU - Trial clinici di QazCoVac-P, un altro vaccino del Kazakhstan contro il Covid-19, sono stati avviati presso il Kazakh Biosafety Research Institute. Lo ha riferito il servizio stampa dell'istituto, citato da The Astana Times.
    QazCoVac-P è il secondo vaccino del Biosafety Research Institute che ha superato con successo i trial preclinici presso il ministero della Salute kazako e ha soddisfatto i requisiti di sicurezza. Il primo vaccino, infatti, è stato il QazVac (QazCovid-in).
    I trial clinici coinvolgono volontari dalla fascia di età compresa tra i 18 e i 50 anni e si svolgono presso l'ospedale multidisciplinare di Taraz. Entrambi i vaccini kazaki - continua la nota - non contengono componenti vive del virus e sono considerati sicuri, con effetti collaterali meno comuni dovuti alla sola presenza degli antigeni necessari. QazCoVac-P è un vaccino a due dosi e, dopo l'osservazione condotta sugli animali da laboratorio cui è stato inoculato, immunizza a partire dal 14esimo giorno del richiamo.
    Attualmente, il Kazakhstan oltre al QazVac utilizza il russo Sputnik V e il cinese Sinopharm prodotto negli Emirati Arabi Uniti e chiamato Hayat-Vax. Secondo il ministero della Sanità kazako, poco più di 2,5 milioni di persone hanno ricevuto almeno una dose del vaccino. Se i trial clinici avranno successo, QazCoVac-P consentirà di accelerare l'immunità di gregge in Kazakhstan nei confronti del coronavirus.
    Alla fine del mese scorso, il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev ha avuto un incontro online con il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, che ha dedicato un tweet al confronto durante il quale ha accolto con favore lo sviluppo di QazVac, annunciando la disponibilità di considerare l'inclusione del vaccino kazako nell'elenco di quelli raccomandati. Le autorità competenti del Kazakhstan hanno avviato il processo per ottenere l'approvazione del vaccino da parte dell'Oms.
    In una recente riunione con il Consiglio degli investitori stranieri, Tokayev ha raccontato dell'incontro con il direttore generale dell'Oms, ribadendo che il Kazakhstan è tra i pochi Paesi in grado di produrre un vaccino anti-Covid grazie alle proprie capacità scientifiche. Il capo dello Stato kazako ha aggiunto che il Paese è disposto ad incrementare la produzione di QazVac per la sua esportazione all'estero. (ANSA).
   

In collaborazione con l’Ambasciata del Kazakhstan

Modifica consenso Cookie