In collaborazione con l’Ambasciata del Kazakhstan

Presidente Kazakhstan apre summit Consiglio Paesi turcofoni

Città Turkistan proclamata capitale spirituale del mondo turco

ROMA

(ANSA) - ROMA, 01 APR - Il presidente della Repubblica del Kazakhstan, Kassym-Jomart Tokayev, ha aperto e moderato il summit del Consiglio di cooperazione dei Paesi turcofoni, svoltosi ieri online. Lo riporta l'agenzia Kazinform. Presenti all'evento virtuale anche il primo presidente del Kazakhstan, Nursultan Nazarbayev, il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdoğan, il presidente dell'Azerbaigian, Ilham Aliyev, il presidente dell'Uzbekistan, Shavkat Mirziyoyev, il presidente del Kirghizistan, Sadyr Zhaparov, il presidente del Turkmenistan, Gurbanguly Berdimuhamedow, il primo ministro dell'Ungheria, Viktor Orbán, e il Segretario generale del Consiglio di cooperazione degli Stati turcofoni, Bagdat Amreyev.
    Il summit avrebbe dovuto svolgersi nella città di Turkistan ma, a causa della pandemia da Covid-19, il Kazakhstan ha optato per il formato virtuale. Il presidente Tokayev ha suggerito di creare una zona economica speciale dei Paesi di lingua turca proprio nel Turkestan, sottolineando che la pandemia ha portato ad una crisi economica senza precedenti. Il fatturato commerciale tra il Kazakhstan e gli Stati membri del Consiglio turco, solo per fare un esempio, ha totalizzato circa 7 miliardi di dollari l'anno scorso, con un calo dell'11,2 per cento rispetto al 2019. Secondo il capo dello Stato kazako, aumentare il fatturato commerciale dovrebbe essere una priorità per gli Stati membri del Consiglio turco. "In questo contesto, il Turkistan ha vasti investimenti e opportunità economiche.
    Tenendo conto delle sue ampie risorse naturali, del capitale umano e del potenziale turistico, suggerisco di creare una zona economica speciale comune dei Paesi di lingua turca in Turkistan", ha detto Tokayev, che ha sottolineato la volontà di trasformare la regione dei Paesi di lingua turca in uno degli spazi economicamente e culturalmente più importanti del XXI secolo.
    Il primo presidente del Kazakhstan, Nursultan Nazarbayev, ha presentato una proposta per l'adozione di un documento che dia ulteriore sviluppo al Consiglio. Rivolgendosi ai partecipanti, il capo dello Stato che 30 anni fa guidò l'indipendenza della nazione dall'allora Unione sovietica e cui nel 2019 è stato riconosciuto lo status di Presidente onorario del Consiglio turco ha detto che "oltre allo sviluppo umanitario e culturale, i nostri Paesi hanno molto da imparare gli uni dagli altri", aggiungendo che gli alfabeti basati sulla grafica latina in uso nell'area potrebbero essere un'opportunità per promuovere lo sviluppo dei giovani dei Paesi del Consiglio a livello globale.
    Il primo presidente kazako ha inoltre invitato i partecipanti al summit a sviluppare il commercio reciproco e a lavorare insieme per attrarre investimenti.
    Il Consiglio ha inoltre proclamato la città di Turkistan come capitale spirituale del mondo turco, incaricando i ministri degli Esteri e il Segretariato di cambiare il nome dello stesso Consiglio, come proposto dal presidente Nursultan Nazarbayev.
    Questo sarà uno dei punti in discussione al prossimo vertice, che si terrà nel novembre 2021 a Istanbul, come ha annunciato il presidente della Turchia Erdoğan.
    Si sono inoltre incaricate le autorità competenti degli Stati membri a collaborare con il Segretariato per preparare le bozze della 'Turkic World Vision-2040' e della 'Strategia del Consiglio turco 2020-2025' all'eventuale approvazione, in linea con le rispettive procedure nazionali. Il Consiglio ha anche sostenuto la normalizzazione delle relazioni tra l'Azerbaigian e l'Armenia sulla base del reciproco riconoscimento e istituito il Premio internazionale Alisher Navoi, poeta e statista turco, decidendo di organizzare eventi per la celebrazione di importanti figure che nei rispettivi Paesi turcofoni hanno contribuito allo sviluppo della letteratura, dell'arte, della scienza e della cultura turca nel mondo. Anche ieri si è sottolineata l'importanza delle prospettive economiche per consentire al Consiglio turco di fissare obiettivi più ambiziosi e realizzabili e di intraprendere e attuare efficacemente progetti regionali di importanza strategica, in particolare nel campo dei trasporti, delle dogane, dell'energia e delle infrastrutture. (ANSA).
   

In collaborazione con l’Ambasciata del Kazakhstan

Modifica consenso Cookie