Cultura

La pittura del '300 a Padova e Montecatini patrimonio Unesco

'Salgono a 57 i siti italiani presenti nella World Heritage List, più 14 iscritti nel patrimonio immateriale sono 71' precisa il ministro Franceschini

Tutto il ciclo pittorico di Padova del Trecento è patrimonio Unesco: è arrivato il via libera ad entrare nella World Heritage List da Fuzhou in Cina dove si è svolta la 44ma sessione del Comitato del Patrimonio mondiale Unesco. La Padova Urbs Picta comprende tutto il ciclo pittorico degli otto edifici e complessi monumentali nel centro storico della città, tra i quali la Cappella degli Scrovegni affrescata da Giotto, e gli affreschi del Palazzo della Ragione. E' il secondo sito Unesco della città, che è già nella lista con l'Orto Botanico.

Riconoscimento anche per Montecatini Terme: "Oggi è una giornata storica per l'Italia: Montecatini Terme è iscritto nella lista del patrimonio Unesco" dice il sottosegretario alla Cultura Lucia Borgonzoni, che sta partecipando in collegamento da Roma alla sessione del 44/o Comitato del Patrimonio Mondiale riunito a Fuzhou, in Cina. "Montecatini Terme - dice Borgonzoni -, che rientra in una candidatura transanazionale "The Great Spas of Europe" assieme ad altri 7 Stati, è l'esempio di sistema termale italiano unico, da tutelare e valorizzare. Il riconoscimento - conclude - è il risultato di un impegnativo percorso compiuto dal Ministero della Cultura e dal Comune". 

 "Con Padova Urbs Picta e Montecatini tra le Grandi città termali d'Europa diventano 57 i siti italiani iscritti nella lista del Patrimonio Mondiale dell'umanità: insieme ai 14 iscritti nella lista rappresentativa del patrimonio immateriale dell'umanità, diventano così 71 i riconoscimenti Unesco in Italia. Padova diventa, assieme a Tivoli, una delle poche città al mondo a custodirne 2: un primato che rafforza la leadership culturale dell'Italia, ribadisce la vastità del patrimonio culturale nazionale e riconosce il ruolo delle comunità nella tutela e promozione dei propri beni". Così il ministro della Cultura Dario Franceschini.

   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie