Netturbini senza stipendio da 4 mesi vanno da Cc, aiutateci

Lavoratori bussano alla caserma di Favara (Ag) 'Siamo alla fame'

(ANSA) - AGRIGENTO, 05 MAG - Non hanno più i soldi neanche per comprare il latte ai figli neonati o la carne, una volta a settimana, ai loro bambini. I 63 netturbini in servizio a Favara (Ag) che attendono il pagamento di 4 mensilità, questo pomeriggio, sono andati a bussare alla porta del comando provinciale dei carabinieri per chiedere aiuto. "Aiutateci, ormai siamo ridotti alla fame".
    Nei mesi passati, per 15 giorni si erano astenuti dal lavoro.
    "Ci avevano garantito che entro fine aprile dovevano saldarci tutte le mensilità, ma ad oggi e non abbiamo visto neanche un centesimo. L'impresa ha ricevuto poche somme dal Comune di Favara e ha girato un acconto di 500 euro, del mese di gennaio, agli operai - spiega l'operatore ecologico Salvatore Arnone, 44 anni, di Favara, padre di 3 bambini di 9, 7 e 4 anni - . Siamo disperati anche perché siamo famiglie monoreddito e non siamo più in condizione di andare a fare la spesa".
    "Abbiamo chiesto aiuto ai carabinieri che si sono messi a disposizione per darci una mano d'aiuto - prosegue Arnone - .
    Cosa vogliono che mi licenzio e inizio a percepire pure io il reddito di cittadinanza? Chiediamo aiuto a tutte le forze politiche e a tutte le istituzioni perché siamo disperati".
    "Dicono che da Palermo, dalla Regione, arrivano soldi, ma noi non vediamo niente - aggiunge un altro operatore ecologico, Angelo Lantona, 58 anni, di Favara - e siamo alla fame. Solo i nostri familiari o i cittadini dove raccogliamo la spazzatura, consapevoli dei gravi problemi che viviamo, ci danno 10 euro ogni tanto. L'ultima porta alla quale abbiamo potuto bussare oggi è stata quella dei carabinieri che si sono messi a disposizione". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie