PMI

Intesa, cresce export distretti Lazio

Regione seconda solo a Lombardia. Traino dall'aereonautica

(ANSA) - ROMA, 03 APR - Il 2016 si è chiuso con una crescita delle esportazioni dei poli tecnologici del Lazio del 3,9%, in controtendenza rispetto al dato nazionale (-0,7%), secondo il monitor dei poli tecnologici del Lazio realizzato da Intesa Sanpaolo. La Regione si aggiudica il secondo posto dopo la Lombardia tra le regioni a più alto valore tecnologico.
    A trainare l'export regionale è stato in particolare il polo aeronautico romano che ha registrato una crescita significativa degli scambi, passando dai 366 milioni di euro del 2015 a oltre 1 miliardo nel 2016. Ha segnato buone performance l'ICT romano che ha evidenziato una crescita dell'export del 4,5%.
    Il monitor ha osservato un rallentamento del polo farmaceutico laziale che ha segnato un calo delle esportazioni del 4,7% principalmente a causa del calo delle vendite in Belgio. Mentre dati positivi sono emersi dall'export dei due distretti tradizionali di Civita Castellana (+12,6%) e dall'ortofrutticolo dell'Agro Pontino (+14,1%). Questi risultati, spiega il responsabile della Direzione regionale Lazio, Sardegna e Sicilia di Intesa Sanpaolo, Pierluigi Monceri, "evidenziano una buona dinamicità della regione sui mercati internazionali e confermano l'elevata competitività delle imprese". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie