Nazione

Stati Uniti

39 41 33

Cina

38 32 18

Giappone

27 14 17
Nazione

Regno Unito

22 21 22

ROC

20 28 23

Australia

17 7 22
Nazione

Paesi Bassi

10 12 14

Francia

10 12 11

Germania

10 11 16
Nazione

Italia

10 10 20

Canada

7 6 11

Brasile

7 6 8
Nazione

Nuova Zelanda

7 6 7

Cuba

7 3 5

Ungheria

6 7 7

Tokyo: da Pellegrini a Werth, il club delle intramontabili

Protagoniste ai Giochi per una vita, è un circolo esclusivo

Redazione ANSA

Gli intramontabili dello sport è un club molto esclusivo: conquistando la quinta finale consecutiva dei 200 stile libero dei Giochi Olimpici, da oggi ne fa parte anche Federica Pellegrini. Da Atene 2004 a Tokyo 2020 (sui loghi ma 2021 nella realtà post-covid), 17 anni di alti (molti) e bassi (pochi): prima di lei, nella storia a Cinque cerchi nessuna nuotatrice era riuscita a centrare l'appuntamento finale della stessa prova. Tra gli uomini, l'unico a poter vantare qualcosa di simile è Michael Phelps: protagonista dal 2000 al 2016 in cinque finali consecutive dei 200 farfalla. Pellegrini-Phelps, due atleti unici, che hanno fatto la storia.

Del resto il nuoto è uno di quegli sport in cui il ricambio generazionale è continuo e confermarsi ai vertici per quasi due decenni è un'impresa. In un altro sport logorante, come la ginnastica, avrebbe meritato uno standing ovation (se queste Olimpiadi non si svolgessero a porte chiuse) Oksana Chusovitina, oggi rappresentante dell'Uzebekistan. Lo scorso 25 luglio, quei pochi che si trovavano nel centro ginnastica di Ariake l'hanno comunque celebrata, fermando per qualche istante le gare. Un omaggio meritato per chi a Tokyo 2020 ha gareggiato per l'ottava Olimpiade, con due medaglie (un oro a squadre a Barcellona 1992 con la Comunità degli Stati Indipendenti e un argento nel volteggio a Pechino 2008 con la nazionale tedesca). "Cambi" di bandiera che hanno caratterizzato anche il racconto della vita di un'altra leggenda dello sport come Josefa Idem, canoista in gara in otto Olimpiadi (da Los Angeles 1984 a Londra 2012), le prime due con la Germania Ovest e le altre sei con l'Italia, per un totale di quattro medaglie. Nella capitale giapponese, pochi giorni fa, è entrata nella storia anche la brasiliana Formiga, unica calciatrice a giocare in cinque edizioni diverse delle Olimpiadi: una vittoria a Tokyo 2020 potrebbe essere la ciliegina sulla torta della prima parte di una vita trascorsa sui campi. Nel panorama olimpico ci sono altri sport meno "fisici" che permettono più agevolmente (almeno in apparenza) di "allungare" la carriera olimpica. Ad esempio il tiro a volo, "casa" per cinque edizioni consecutive dell'americana Kimberly Rhode, vincitrice di tre medaglia d'oro, ad Atlanta 1996, ad Atene 2004 e a Londra 2012. Sono invece sei le partecipazioni a Cinque cerchi di Isabell Werth, cavallerizza tedesca, che ha messo già dieci medaglie olimpiche, sei d'oro e quattro d'argento, in un cassetto nel quale è rimasto altro spazio per nuovi metalli da conquistare a Tokyo 2020.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie