Ciambetti (Veneto), cittadini non paghino transizione

Serve legislazione coerente che fornisca quadro di azione comune

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Per guidare la transizione verde, abbiamo bisogno di una legislazione coerente che fornisca un quadro di azione comune in cui città, territori e regioni possano operare efficacemente". Così Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto e capo delegazione italiana al Comitato europeo delle Regioni, in occasione della Cop26 di Glasgow.

"I costi della transizione ecologica e della lotta contro il cambiamento climatico non devono ricadere su cittadini, famiglie, lavoratori, pensionati, artigiani e piccole imprese, che rappresentano la maggioranza della popolazione mondiale" ed "è quanto mai necessario il coinvolgimento anche delle istituzioni di ricerca e formazione e la società civile", ha detto Ciambetti. "Abbiamo bisogno di fatti e di accordi su scala globale. Questi potrebbero essere gestiti in modo efficiente a livello locale secondo il principio di sussidiarietà e coinvolgendo gli stakeholder da coloro che, come le città e i territori, sono i più vicini, i primi e i più idonei, per fornire risposte alle domande e alle esigenze dei cittadini", ha aggiunto il presidente del Consiglio regionale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: