Von der Leyen, il primato del diritto dell'Ue è fondamentale

'Profondamente preoccupata' per la Polonia

Redazione ANSA

BRUXELLES - "I nostri Trattati sono molto chiari. Tutte le sentenze della Corte di giustizia Ue sono vincolanti e la legge Ue ha il primato sulla legge nazionale. Useremo tutti i poteri che abbiamo ai sensi dei Trattati per assicurarlo". Così la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, sulla sentenza della Corte costituzionale polacca che ha stabilito che alcuni regolamenti dell'Unione europea non sono compatibili con la costituzione dello Stato polacco. "Sono profondamente preoccupata", ha fatto sapere von der Leyen, spiegando di aver "dato istruzione ai servizi della Commissione di fare un'analisi approfondita e veloce" della decisione per decidere i passi successivi.

"Il primato del diritto dell'Ue è fondamentale per l'integrazione e la convivenza europea. Se viene infranto, l'Unione per come la conosciamo, non esisterà più". È il commento del ministro degli Esteri lussemburghese, Jean Asselborn. Asselborn ne ha parlato a margine del Consiglio Ue Interni, a Lussemburgo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: