Orbàn, Commissione e Parlamento Ue ci sfidano sul tema Lgbtqi

Durante l'incontro col Papa 'opinioni divergenti' sui migranti

Redazione ANSA

BRUXELLES - "I fondi per la ricostruzione sono prestiti che Bruxelles non vuole concederci ora a causa del dibattito sulla politica Lgbtqi". Lo ha detto il primo ministro ungherese, Viktor Orban, durante la sua consueta intervista a Kossuth Rádió. precisando inoltre che dal Parlamento europeo ci si può aspettare "sfide continue", ma l'Ungheria continuerà a battersi per la sua sovranità.

E tuttavia, nonostante i numerosi conflitti, Orban ha affermato che se mai l'Unione europea "dovesse cessare di esistere" Budapest sarà "tra gli ultimi a restare nell'Ue", dato che l'adesione all'Unione dà all'Ungheria l'accesso fondamentale al mercato comune.

Il premier ungherese Viktor Orban, durante l'intervista alla radio ungherese, ha parlato anche della recente visita del Papa in Ungheria. I due, ha spiegato il premier magiaro, hanno evitato alcuni argomenti come l'immigrazione su cui hanno opinioni divergenti, ma hanno concordato sull'importanza di proteggere le famiglie. "Secondo Papa Francesco - ha chiosato Orbán - la famiglia è composta da un padre, una madre e dei figli".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: