Risoluzione su Kazakistan, 'si indaghi su crimini commessi'

'Autorità rilascino manifestanti detenuti arbitrariamente

Redazione ANSA

STRASBURGO - Il Parlamento europeo denuncia con forza gli atti di violenza seguiti alle proteste pacifiche in Kazakistan e deplora la "retorica incendiaria del presidente Qasym-Jomart Tokayev, inclusa la sua generale rappresentazione dei manifestanti come terroristi". In un testo approvato durante l'assemblea plenaria con 589 voti favorevoli, 35 contrari e 47 astenuti gli eurodeputati esortano quindi le autorità kazake a rispettare i diritti umani ed a rilasciare immediatamente i manifestanti e attivisti detenuti arbitrariamente. La relazione chiede infine che sia aperta un'adeguata indagine internazionale sui crimini commessi contro la popolazione del Kazakistan ed esorta il governo kazako a prendere in considerazione la creazione di un gruppo di lavoro permanente guidato dall'Osce per valutare le cause dei disordini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie