Cibus: ad Parmacotto, ok record export ma serve aggregazione

Schivazappa: 'Senza digitalizzazione non si cresce'

Redazione ANSA PARMA
(ANSA) - PARMA, 01 SET - "È raggiungibile l'obiettivo dei 50 miliardi di fatturato di export ma non ci deve far dimenticare che siamo quarti in Europa dopo Francia, Spagna e Germania.

Questo perché in Italia esistono delle problematiche fisiologiche nel settore, con il 70% delle aziende italiane del mondo food che fattura meno di 10 milioni". Lo ha detto l'amministratore delegato di Parmacotto Group, Andrea Schivazappa, intervenuto durante il talk in programma all'interno dello stand dell'azienda con ospiti i campioni sportivi Lorenzo Musetti e Fausto Desalu. Una situazione che, secondo l'ad richiede "la necessità di politiche che creino aggregazione con grandi gruppi, viceversa diventa molto complesso creare investimenti anche tecnologici, incrementare la nostra presenza nei mercati esteri e incoraggiare il dialogo con i grandi player e le grandi catene di distribuzione in modo credibile". Altro aspetto fondamentale, secondo Schivazappa, è la digitalizzazione, "senza questa non c'è crescita e non c'è sostenibilità. Parmacotto, da azienda che era, è diventata Gruppo investendo in un mercato molto recettivo come gli Stati Uniti, dove faremo altri investimenti importanti per assumere sempre più una dimensione globale". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie