Comunicazione ospedali si rinnova,più professionale e social

Indagine Fiaso,22% aziende ha assunto professionisti in pandemia

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Otto asl o ospedali su dieci sono presenti almeno su Facebook. Il 94% ha al suo interno un ufficio stampa. E il 22% ha assunto professionisti dell'informazione durante l'emergenza Covid. Sempre più anche sui social media e affidata a giornalisti, la comunicazione delle aziende sanitarie sta cambiando velocemente. E, a dare un forte impulso, è stata la pandemia, che ha mostrato come affidarla a professionisti dell'informazione aiuti a costruire fiducia. E' quanto emerge dall'indagine curata da Fiaso e presentata all'incontro "Il ruolo dei professionisti dell'informazione in sanità".
    La rilevazione ha coinvolto quasi 70 aziende sanitarie e ospedaliere su tutto il territorio, a cui è stato somministrato un questionario composto da 20 domande. Ne è emerso che sui social, a farla da padrone è Facebook (93%), seguito da Youtube (76%), Instagram (71%), quindi Twitter e LinkedIn (41%). C'è anche un 15% che ha attivato un canale Telegram, un 5% che utilizza Whatsapp. In sei casi su dieci la pagina social viene aggiornata almeno una volta al giorno. In 4 aziende su dieci a gestire l'ufficio stampa c'è una sola persona, ma in 6 su dieci la squadra è composta da più addetti. Nel corso dell'emergenza Covid molte aziende hanno deciso di costruire ex novo un ufficio stampa per rispondere alle nuove necessità dettate dall'infodemia: in quasi un'azienda su quattro c'è stata la volontà di scommettere sul ruolo della comunicazione assumendo, nel ruolo di ufficio stampa, un giornalista professionista, in linea con la legge 150 e garanzia di qualità dell'informazione.
    La comunicazione verso i media è quotidiana: il 45% di ospedali e asl invia oltre 10 comunicati stampa a settimana. "La diffusione di bufale e fake news rese virali dai social network ha reso evidente la necessità di investire su una comunicazione efficace, trasparente e tempestiva. Ed è attraverso i professionisti degli uffici stampa che le aziende hanno certificato la credibilità delle informazioni con l'obiettivo di alimentare la fiducia dei cittadini", commenta il presidente di Fiaso Giovanni Migliore. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA