Covid:+17% ricoveri, due terzi in vaccinati da più di 6 mesi

Fiaso, crescita rallenta ma urgente quarta dose

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Nella settimana tra il 12 e il 19 luglio i ricoveri Covid sono cresciuto del 17,1%, con un rallentamento rispetto alla settimana precedente, quando l'aumento era stato del 35% rispetto alla settimana prima. A segnare un aumento sono soprattutto i pazienti 'Con Covid', cioè pazienti trovati incidentalmente positivi al tampone pre-ricovero ma arrivati in ospedale per curare altre patologie: sono il 58% dei ricoveri Covid mentre i pazienti 'Per Covid', cioè ricoverati perché hanno sindromi respiratorie e polmonari dovuti a SarsCoV2 rappresentano il 42% dei ricoverati. Sono i dati salienti dell'ultima rilevazione effettuata negli ospedali aderenti alla rete sentinella di Fiaso (Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere).
    Secondo l'analisi, tra i ricoverati (sia nei reparti ordinari, sia nelle terapie intensive) il 21% non è vaccinato.
    Mentre, tra i vaccinati, il 62,5% ha ricevuto l'ultima dose ormai da oltre 6 mesi. Quest'ultima percentuale sale all'85% se si considerano soltanto i pazienti finiti in terapia intensiva per Covid.
    Tra i bambini, nei quattro ospedali pediatrici e nei reparti di pediatria degli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso, il numero dei ricoverati è aumentato del 12,8%. Si tratta soprattutto di bambini da 0 e 4 anni che rappresentano complessivamente il 77% dei ricoverati.
    "Negli ospedali ormai arrivano sempre più pazienti di età media elevata, circa 70 anni: 2 su 10 non sono vaccinati mentre, tra i vaccinati, 2 su 3 hanno ricevuto la somministrazione dell'ultima dose da più di sei mesi e hanno dunque un titolo anticorpale più basso", ha commentato il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore. "Questi numeri testimoniano ancora di più l'urgenza di provvedere alla somministrazione della quarta dose booster per gli over 60". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA