Associazione Italiana Periti sollecita interventi normativi

'Solo periti imparziali e liberi possono tutelare i consumatori'

Redazione ANSA ROMA

L'Associazione Italiana Periti Estimatori Danni (AIPED) richiama l'attenzione del Governo e dei consumatori sull'urgenza di un intervento normativo a "tutela non della sola categoria peritale tutta ma altresì dei consumatori". In particolare evidenzia "quelli che sono veri e propri punti nevralgici ovvero l'indipendenza e la terzietà ad oggi sostanzialmente evanescenti". A ribadirlo, in una recente audizione in Commissione Industria del Senato nell'ambito dell'esame congiunto dei disegni di legge (nn. 1217 e 1666) sulla Disciplina dell'attività di perito assicurativo, è il presidente dell'AIPED Luigi Mercurio.
    Dopo una ricostruzione dell'attuale panorama risarcitorio in ambito assicurativo, Mercurio ha approfondito i singoli aspetti che richiedono un intervento normativo urgente "perché è necessario porre un freno alle pressioni sempre più stringenti esercitate dalle compagnie su quelli che, non a caso, sono definiti fiduciari. Il perito deve essere a tutti gli effetti un professionista posto in condizione di operare in assoluta autonomia di giudizio".
    L'AIPED formula una serie di proposte in ordine "all' auspicabile riformulazione degli ambiti peritali proprio per evitare le deformazioni" denunciate e documentate. Ulteriore attenzione è stata rivolta all'assegnazione degli incarichi peritali, nonché alle modalità di definizione delle tariffe. L'Associazione Italiana Periti Estimatori Danni confida che "l'impegno profuso possa portare agli attesi cambiamenti, i soli che porteranno beneficio e tutela poiché solo la stima dei danni effettuata da periti imparziali, liberi e indipendenti può garantire ai consumatori il massimo livello di competenza, terzietà e dovuta professionalità". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie