Aprilia RSV4, la 'superbike' prestata alla strada

Rinnovata in forma e sostanza per prestazioni da record

Redazione ANSA MILANO

 Dalla pista alla strada, Aprilia RSV4 si è rinnovata in forma e sostanza. Nata con il solo obiettivo di vincere nelle competizioni, la 'supermoto' della casa di Noale Aprilia RSV4 è stata nel tempo costantemente aggiornata e affinata, rimanendo sempre il punto di riferimento per sportività e prestazioni, trasferendo l'esperienza maturata in pista al prodotto di serie, per regalare a tutti le stesse emozioni, o quasi, delle motociclette confezionate da Aprilia Racing.

Ideata attorno a un motore 4 cilindri V di 65° e a un telaio erede di una dinastia che ha vinto 18 titoli e 143 gran premi nella 250 GP, è stata la prima a adottare di serie l'acceleratore Ride-by-wire multimappa, ma soprattutto la prima a brevettare la piattaforma di controlli dinamici APRC, la più efficace e completa suite di regolazioni elettroniche al servizio del pilota per massimizzare la prestazione. Dopo aver dominato la categoria per oltre un decennio Aprilia ha presenta la nuova RSV4, con un'evoluzione che ha coinvolto la moto sotto ogni punto di vista: design, aerodinamica, ergonomia, motore, ciclistica e dotazione di serie. Nuovi sono anche i nomi che contraddistinguono i modelli disponibili: Aprilia RSV4 e Aprilia RSV4 Factory, che aggiunge alcune ulteriori e raffinate caratteristiche tecniche, come le sospensioni semiattive sviluppate in collaborazione con Öhlins, oltre alla coppia di cerchi forgiati in alluminio. Le forme della nuova RSV4 sono ispirate a quelle di RS 660 e permettono un coefficiente di resistenza aerodinamica molto ridotto, con un sensibile vantaggio nelle performance alle alte velocità. Le superfici particolarmente ridotte delle fiancate lasciano completamente scoperta la ruota anteriore, con benefici nella maneggevolezza nei cambi di direzione, soluzione già utilizzata dalla RS-GP in MotoGP. Il caratteristico gruppo ottico anteriore triplo a LED, dotato di luci DRL perimetrali posizionate sul contorno dei due proiettori principali, rende invece RSV4 immediatamente riconoscibile in ogni condizione di luce. Le prestazioni e i 'numeri' sono da superbike: a differenza della precedente gamma, in cui la versione RR era equipaggiata con il motore Aprilia V4 di 1000 cc e 201 CV, le nuove RSV4 e RSV4 Factory sono ora spinte dal medesimo propulsore di 1100 cc dalle stesse prestazioni. Si tratta del primo 4 cilindri a V stretto ad alte prestazioni di grande serie al mondo, il motore più rivoluzionario e potente mai costruito da Aprilia. La potenza rimane la medesima della precedente versione: 217 CV a 13.000 giri/min, già tra le più elevate in assoluto, nonostante il propulsore rispetti la regolamentazione Euro 5 e che peraltro permette a RSV4 di superare la soglia dei 305 km/h effettivi di velocità massima.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie