Novecento etichette al Mondial des vins extremes

Al concorso partecipano 340 aziende in provenienza da 25 Paesi

Oltre 900 vini, 340 aziende e 25 Paesi: sono i numeri da record della 27/a edizione del concorso enologico Mondial des Vins Extrêmes, dedicato alle produzioni 'eroiche', in calendario dall'11 al 13 luglio all'Hôtel Etoile du Nord di Sarre. "Il Concorso si propone non solo di promuovere, ma anche di salvaguardare le produzioni di piccole aree vitivinicole che si caratterizzano per storia, tradizione e unicità di grande valore ambientale e paesaggistico" ha sottolineato l'assessore all'Agricoltura, Laurent Viérin, nel presentare la manifestazione. "Il Cervim, che sa trasformare il lavoro dei viticoltori in promozione, è sempre più baluardo della viticoltura eroica mondiale" ha aggiunto. Per il presidente del Cervim Roberto Gaudio "il Mondial rientra a pieno titolo tra i grandi concorsi internazionali, se si tiene conto che il nostro è esclusivamente rivolto a vini prodotti in contesti particolari e con precisi parametri di ammissione".
    Alla selezione partecipano anche 28 aziende valdostane con 90 vini. Sono presenti per la prima volta le regioni Basilicata e Marche e le nazioni Perù, Bolivia, Cipro e Malta. Al termine delle degustazioni - sette le commissioni all'opera - verrà stilata una classifica che assegnerà, nell'ordine, i riconoscimenti Gran Medaglia d'Oro, Medaglia d'Oro e Medaglia d'Argento. La premiazione del Concorso avverrà al Forte di Bard, il 1° dicembre 2019, nell'ambito della manifestazione Vins Extrêmes.
    L'evento è promosso dall'assessorato regionale all'Agricoltura, dal Centro di ricerca e valorizzazione per la viticoltura montana (Cervim) dall'Associazione viticoltori della Valle d'Aosta e dall'Associazione italiana sommelier. 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere