Valle d'Aosta
  1. ANSA.it
  2. Valle d'Aosta
  3. Consiglio Valle
  4. Approvata legge su alpinismo e escursionismo

Approvata legge su alpinismo e escursionismo

Previsto contributo per sostituzione bivacchi obsoleti

Il Consiglio Valle ha approvato all'unanimità il disegno di legge che contiene disposizioni in materia di interventi per lo sviluppo alpinistico ed escursionistico.
    Il testo di legge è composto di cinque articoli "volti, da una parte, a ripristinare i contributi, sospesi dal 2014, per portare a valle i rifiuti e le acque reflue dai rifugi e, dall'altra, a introdurre un sostegno economico per le spese di rimozione di bivacchi obsoleti e l'installazione di nuovi, sovvenzionando, in particolare, le spese di elitrasporto sostenute per queste attività, in considerazione dell'impatto economico che le stesse rivestono".
    "I contributi in conto capitale per l'insediamento o lo smantellamento di bivacchi - ha detto Corrado Jordan (Av-VdaUnie) - sono concessi nell'ottica non solo di rendere sempre più sicura la pratica dell'alpinismo e dello scialpinismo in quota, ma anche di rimuovere strutture deteriorate e non più funzionali, preservando nel contempo l'integrità dell'ambiente alpino. Il ripristino del contributo per il divallamento rifiuti e acque reflue risponde non solo ad un'esigenza di salvaguardia dell'ambiente montano, ma anche a forti sollecitazioni pervenute dagli operatori del settore, provati dal contesto pandemico e post-pandemico". L'onere complessivo della legge ammonta a 120.000 euro per il 2022, 70.000 per il 2023 e 120.000 euro a decorrere dal 2024.
    Il dibattito in Aula "Si tratta di un provvedimento dal contenuto importante - ha detto Stefano Aggravi (Lega Vda) - su di un tema che ci sta a cuore", evidenziando "i tempi ristretti con cui è stato esaminato dalle Commissioni: capiamo la necessità di mettere a terra questa legge nel più breve tempo possibile, ma mi chiedo: questa misura, vista anche la tempistica, non poteva arrivare prima?". Per Marco Carrel (Pour l'Autonomie) "questo disegno di legge doveva arrivare prima. Oltre alle importanti risorse che ci vedono concordi destinate ai rifugi alpini, evidenzio, inoltre, che manca una mappatura dei bivacchi sui quali si può intervenire".
    L'Assessore al turismo, Jean-Pierre Guichardaz, ha replicato: "La norma è stata predisposta in tempi molto brevi e vi era la necessità di un percorso urgente a causa delle scadenze compresse. I bivacchi sono strutture importanti per il nostro turismo montano e questa legge dà un messaggio di attenzione verso un comparto che oggi caratterizza la nostra vocazione di un turismo sostenibile e green. Questa norma recupera risorse destinate a capitoli dedicati e si riferisce a interventi effettuati nel 2022, ma contiamo che possa diventare un provvedimento finanziato anche negli anni successivi".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie