Muser, chiesa dalla parte delle vittime

23 casi segnalati allo sportello della diocesi

(ANSA) - BOLZANO, 22 OTT - "Smascherare ed elaborare", questo il titolo del convegno su abusi, prevenzione e tutela delle persone vulnerabili nella Chiesa svoltosi a Bolzano a cura del Servizio specialistico della Diocesi. In primo piano le esperienze in Italia, Austria, Baviera e le nuove linee guida della Cei. In diocesi da gennaio 2018 sono stati segnalati allo Sportello 23 casi di abusi sessuali e violenze, quasi tutti risalenti a molti anni fa.
    "Per chi optiamo noi, per i forti o per i deboli? Questa è la domanda centrale per i cristiani - ha detto il vescovo Ivo Muser - e Dio sceglie i deboli. Non dobbiamo mistificare le cose, non ci mettiamo dalla parte dell'istituzione per salvare la sua immagine, ci mettiamo dalla parte delle vittime." Il vescovo ha ricordato che "il confronto e l'ascolto consapevole di esperienze dolorose e terribili ti aiutano a parlare di persone, e non di casi".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Videonews Alto Adige-Südtirol