GB - I 100 anni di Capitan Tom, il Regno festeggia il suo eroe

30 aprile

Redazione ANSA LONDRA

Centinaia di migliaia di lettere d'auguri, la parata aerea della Raf che sorvolerà casa sua, persino un treno ribattezzato in suo onore. Più che un compleanno è una vera festa nazionale quella che saluta il 30 aprile i 100 anni del capitano Tom Moore: veterano di guerra britannico capace di vestire ancora una volta i panni dell'eroe, questa volta contro la pandemia, come ispiratore d'una raccolta fondi record per l'Nhs, la sanità pubblica d'oltremanica. Una ricorrenza attesa in tutto il Regno, e non solo, dopo l'esplosione di popolarità che ha investito "Captain Tom", in poche settimane diventato un simbolo di resistenza al coronavirus: "il nemico invisibile", come lo ha chiamato Boris Johnson dopo essere sfuggito in prima persona alle sue grinfie.
    Tutto è cominciato con la sfida lanciata qualche settimana fa, quando Moore si era impegnato a compiere 100 giri del suo giardino, con l'aiuto di un deambulatore, in cambio di mille sterline da destinare al servizio sanitario nazionale. La risposta non poteva essere più strepitosa: ad oggi le donazioni, che non hanno cessato ad affluire nemmeno dopo lo stop formale all'iniziativa, hanno superato i 33 milioni di euro. E le offerte continuano. Così come la voglia del vecchio ufficiale di aiutare in ogni modo gli ospedali del suo Paese. Prima passeggiando per il suo giardino di casa, poi duettando - con il cantante Michael Ball - sulle note di "You'll Never Walk Alone".
    Una cover che è immediatamente schizzata in vetta alle chart inglesi, assicurandogli un posto nel Guinness dei Primati come 'cantante' più anziano di sempre al numero 1 nelle hit. Anche il premier Johnson, nel suo primo discorso pubblico dopo la guarigione dal Covid-19, lo ha evocato quale esempio di generosità e coraggio in tempi così difficili. E già si pensa all'onorificenza da tributargli - con ogni probabilità il titolo di cavaliere dell'ex Impero britannico da parte della regina, con annesso appellativo di Sir - una volta che l'emergenza sanitaria lo consentirà. Nel frattempo fioccano gli attestati di stima e gratitudine. A cominciare dagli oltre 125mila biglietti d'auguri che gli sono stati recapitati da ogni angolo del pianeta. E che hanno inondato un'intera sala del piccolo ufficio postale di Marston Moretain, il borgo dove Moore risiede.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Modifica consenso Cookie