Cronaca

Rishi Sunak

Un figlio dell'India a Downing Street

Alla fine ha realizzato il suo sogno, Rishi Sunak, quello di diventare capo del governo britannico, primo figlio di una ex colonia dell'Impero a riuscire a forzare lo storico portoncino d'ingresso al 10 di Downing Street: unico e solo premier proveniente finora da una minoranza etnica non europea in secoli di storia.
Nato 42 anni fa a Southampton da genitori indiani immigrati, Sunak ha del resto in qualche modo le stimmate del predestinato. Astro nascente da qualche anno di un Partito Conservatore sempre più multicolore, almeno nell'immagine, non ha mai celato le sue ambizioni in quella che è stata una carriera politica sprint: segnata pure da una certa insostituibile dose di fortuna, se si considera che la sua prima scalata al partito e alla carica di premier per il dopo Boris Johnson si era conclusa appena il mese scorso con uno scacco. Ma il fallimento repentino di Liz Truss, delle cui ricette economiche iperliberiste lui aveva previsto con esattezza il disastro, gli ha spianato alla fine la strada della rivincita quasi immediata: se non altro, in quanto figura ben vista dai mercati e che vanta ottimi rapporti nella finanza internazionale, oltre a relazioni privilegiate sia nell'India dei suoi avi, sia negli Usa, Paesi fondamentali per l'economia britannica del post Brexit. Sunak proviene da una famiglia della media borghesia del Punjab rifugiatasi in Africa orientale e poi trasferitasi in Inghilterra negli anni Sessanta. I suoi genitori - padre medico, madre farmacista - riescono a garantirgli la migliore istruzione possibile: Rishi frequenta dapprima l'esclusivo Winchester College, poi consegue una prestigiosa laurea in filosofia, politica ed economia (Ppe) a Oxford (il top del top nel cursus accademico britannico degli statisti in erba), seguita da un master Mba alla Stanford University, in California. Qui incontra la futura moglie: Akshata Murty, figlia ed erede miliardaria del sesto uomo più ricco dell'India, con la quale condivide oggi due figlie, una grandiosa residenza nel verde dello Yorkshire e appartamenti di lusso fra Londra e Santa Monica. Nonché l'adesione alla fede induista, la stessa di Gandhi, altra novità senza precedenti a Downing Street.
Cancelliere dello Scacchiere a soli 39 anni, Sunak punta inizialmente sul rigore nei conti pubblici, non senza qualche criticato incremento di tasse durante la pandemia; ma lancia pure un popolare piano di maxi sussidi pubblici per sostenere i lavoratori dell'isola nel pieno dell'emergenza Covid. Ora ci riprova presentandosi in veste di unificatore e di figura "competente". Ma per farcela dovrà far dimenticare la nomea di "traditore" che gli è stata rinfacciata in estate da avversari interni e tabloid per il suo contributo alla caduta di Johnson. E anche le polemiche sui privilegi fiscali e le attività di business della moglie, accusata in tempo di sanzioni anti-Mosca per la guerra in Ucraina di detenere azioni in una società tecnologica di Bangalore che ha operato in Russia fino a pochi mesi fa; o ancora di aver utilizzato uno scudo fiscale (pur legale) contro il pagamento delle tasse sull'isola sui cospicui redditi accumulati all'estero, a cui ha infine rinunciato. Un bagaglio da mettere alle spalle, se possibile, mentre per Rishi Sunak inizia l'avventura più attesa. E al contempo - tra crisi interna, internazionale e di partito - la sfida più difficile.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA



Modifica consenso Cookie