ANSAcom

Carta Firenze, urge cambio rotta

Letta Guerritore-Lombardi a Festival, presente Mattarella

ANSAcom

"In questi mesi segnati dalla pandemia e dalla crisi ambientale, sentiamo l'urgenza di un cambio di rotta e di un impegno comune più incisivo, in difesa della salute, della scuola, del lavoro, dell'ambiente e del benessere collettivo". E' questa la premessa della Carta di Firenze presentata, in apertura del Festival nazionale dell'Economia civile, al presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha partecipato all'inaugurazione della manifestazione in programma dal 25 al 27 settembre nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio a Firenze.
Otto le azioni proposte dalla Carta, il cui contenuto è stato letto dagli attori Monica Guerritore e Maurizio Lombardi: sostenere il valore del lavoro e delle persone; credere nella biodiversità delle forme d'impresa; promuovere la diversità e e l'inclusione sociale; valorizzare l'impresa come luogo di creatività e di benessere; investire nell'educazione e nella promozione umana; proporre una nuova idea di salute e di benessere; coltivare il rispetto e la cura dell'ambiente; attivare energie giovani, innovazione e nuove economie.
"Caro presidente - ha anche detto Monica Guerritore rivolgendosi al Capo dello Stato - questa Carta che le verrà consegnata trae le radici dalla ricchezza della nostra cultura e tradizione e mette insieme innovazione, sentimento popolare e genius loci, rigenerando il futuro". Il Capo dello Stato si è brevemente alzato dalla sua postazione al termine della lettura della Carta e della frase dedicatagli da Monica Guerritore in segno di saluto e ringraziamento.

In collaborazione con:

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie