Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Al seggio estero di Bologna faldoni da controllare uno a uno

Al seggio estero di Bologna faldoni da controllare uno a uno

Per ogni seggio si verificano decine di plichi

"È andato tutto bene, ma il sistema è decisamente antiquato". Così una scrutinatrice fuori dal seggio bolognese per la circoscrizione Estero a BolognaFiere, dove arrivano le schede elettorali provenienti da 17 paesi europei. È la prima volta che le schede elettorali dei quasi sei milioni di elettori italiani residenti all'estero vengono divise tra la sede centrale di Roma e altri uffici decentrati. Oltre a Bologna, che riceve parte delle schede della ripartizione a) Europa, anche Milano, Firenze e Napoli. "Abbiamo questi libroni - spiega Emanuele, scrutinatore, all'ANSA - per ogni seggio ne abbiamo una ventina grossi così. Dentro ci sono i nomi di chi ha votato".

Ciascun plico contiene in ordine i nominativi dei residenti all'estero con diritto di voto. Quando arriva la scheda, che contiene solamente il codice identificativo dell'elettore e non il nome, come spiega Marta Gambino fuori dal padiglione 14 di BolognaFiere, il compito dello scrutinatore è di segnare che l'elettore o elettrice abbia votato correttamente o meno. "Di base quando apri la busta - spiega Marta - devi controllare su tutti i plichi". "È un sistema molto antiquato - si lamenta fuori dal seggio un'altra scrutinatrice in pausa - siamo qua da oltre nove ore per 700 schede". "Pensi - conclude - che si arriva anche fino a 900 buste. È stancante anche fisicamente".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie