Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Ddl Zan: Letta: 'Pronti a sostenere una raccolta di firme'

Ddl Zan: Letta: 'Pronti a sostenere una raccolta di firme'

Di Maio: 'Prove generali per il Colle'. Al Senato accuse e sospetti tra Pd e Iv. Complici le assenze

Con il voto di ieri in Senato sul ddl Zan "l'Italia si è allineata alla Polonia e all'Ungheria, cioè la compressione di diritti delle persone, della comunità Lgbt". Lo ha detto il segretario del Pd Enrico Letta a Radio Immagina. "Il Pd - ha detto Letta - è pronto ad appoggiare la raccolta di firme di una proposta di legge di iniziativa popolare sul tema dei diritti della minoranza Lgbt. 

"Aver bocciato il Ddl Zan è servito a dare segnali sul Quirinale. Ieri al Senato della Repubblica è nata una maggioranza nel voto segreto". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, intervenendo a 'L'aria che tira' su La7, aggiungendo che "sono stati fatti giochetti sul Quirinale sulla pelle di un Ddl antidiscriminazione".

In molti leggono, appunto, nel voto sul ddl Zan le prove tecniche di voto per il nuovo presidente della Repubblica, a febbraio. A esercitarsi l'aula del Senato, che dà addio al disegno di legge contro l'omotransfobia. Messo ko per 23 voti - è la differenza tra i 154 favorevoli allo stop dell'esame e i 131 pronti ad andare avanti, tutti coperti dal voto segreto - e probabilmente grazie ai franchi tiratori. Rispuntano, contribuiscono ad affossare la legge e soprattutto mandano un messaggio ai partiti: "attenzione - lo interpretano trasversalmente a Palazzo Madama - alle prossime elezioni del Quirinale, ogni scenario è aperto".

Del resto la votazione di ieri dimostra che i numeri, sulla carta, non sempre reggono. In più, la legislatura sta per finire, crescono le preoccupazioni dei parlamentari a rischio con il taglio degli eletti. E complice il segreto dell'urna, tutto è possibile. Dopo il voto, tra i corridoi è caccia ai nomi dei cecchini nella speranza che vengano allo scoperto. Unica voce in dissenso dal suo partito è la senatrice di Forza Italia, Barbara Masini che 'salva' il testo del ddl Zan. E poi lo rivela. Gli altri tacciono, mentre volano sospetti e accuse incrociati su chi ha tradito, soprattutto fra Pd e Italia viva per assenze e voti ribelli. In realtà tra gli assenti il record va ai 16 senatori del gruppo Misto, la metà del totale dei non presenti. Segno che è proprio il quarto gruppo più numeroso al Senato, il meno controllabile.

Di certo, nel Palazzo non è solo la fine di uno scontro sanguinoso sui temi etici, che vede contrapposte l'ideologia progressista e quella conservatrice. Tra menzogne e denunce, il sospetto è che si stiano prendendo le misure per eleggere il nuovo capo dello Stato. Perché quando il voto non è palese, le sorprese ci sono. Non ha peli sulla lingua Pierluigi Bersani: "E' stata una prova generale per il quarto scrutinio per il Quirinale". E mette in guardia: "E' tempo che il campo progressista prenda piena coscienza della situazione".

In cerca dei 'colpevoli', il Nazareno punta il dito contro "almeno 16 voti" che mancano all'appello. Il Pd faceva affidamento su 140 favorevoli al ddl. E' la somma dei 38 senatori del Pd, 74 del M5s, 6 di Leu, 16 di Italia viva più altri singoli. Al netto delle assenze, ovviamente. Quelle nel centrosinistra sono in tutto 10, la metà del centrodestra.

Da qui le accuse provenienti dai dem, anche per capire "se i franchi tiratori siano dentro il Pd o nell'area più allargata e ufficialmente a favore del ddl Zan". Ma all'attacco va pure Matteo Renzi: è uno dei 4 assenti al voto, per il suo partito. E chiosa: "La responsabilità di oggi è chiara: e dire che per Pd e 5 Stelle stavolta era facile". Più immune dai sospetti è il centrodestra, a parte qualche forzista da sempre tentato dal sì al ddl Zan. I tabulati del Senato registrano che la coalizione mostra la migliore prova di compattezza. Merito dei 21 'stoici' di Fratelli d'Italia, tutti in aula. Tanto da guadagnarsi i complimenti della leader Giorgia Meloni, che incontra i 'suoi' dopo il voto. E determinanti pure leghisti e azzurri, che contano solo 5 assenze.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie