Politica

Tensione Salvini-Giorgetti, governatori all'attacco

Il leader della Lega frena il ministro ma Brunetta rilancia Draghi al Colle

Matteo Salvini rimarca la linea della Lega e replica a tono al suo vice Giancarlo Giorgetti, tra scintille e distinguo. Così smonta l'endorsement a Carlo Calenda - il candidato sindaco che potrebbe vincere a Roma se intercettasse i voti della destra in uscita, secondo i pronostici del ministro leghista dello Sviluppo economico - e ricorda che è Enrico Michetti il nome scelto dalla coalizione per il Campidoglio.

Lui "ha la competenza per ripartire dalle periferie, e non dai salotti di Calenda", dice caustico Salvini in tv. Tensione alta pure con i governatori del nord, che sposano la linea prudente del governo sulle nuove aperture e capienze per sport e spettacolo. Più impaziente il segretario, che invoca: "Apriamo tutto" perché "se il green pass ti rende sicuro e puoi andare allo stadio e al teatro, puoi farlo a piena capienza", è il suo ragionamento. Sotto pressione e accerchiato da più fronti, il 'capitano' prova a tenere insieme un partito sempre più in subbuglio, che oscilla tra incredulità e irritazione. A fare da detonatore è stata ieri l'intervista alla Stampa di Giorgetti. Il 'capitano' invece le liquida così: "Non ho molto tempo per leggere le interviste". E chiude anche all'ipotesi di Mario Draghi al Quirinale che Giorgetti ha 'candidato' di fatto, e che porterebbe dritti a elezioni anticipate.

Nel partito di via Bellerio si consumano ormai prove tecniche di scontro, in attesa della resa dei conti. Potrebbe arrivare con il test delle amministrative di domenica e lunedì, anche se il match maturerà fra due settimane con i ballottaggi.

In più c'è da gestire la 'grana' di Luca Morisi, l'ex guru della campagna social della Lega indagato per detenzione e cessione di droga. Salvini difende ancora l'amico che "ha sbagliato" e distingue tra chi si droga e chi spaccia.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie