Mondo

In collaborazione con l’Ambasciata del Kazakhstan

In Kazakhstan la XIX sessione della Segreteria del Congresso

Prepara forum dei leader delle religioni mondiali e tradizionali

ROMA

(ANSA) - ROMA, 07 OTT - Si è svolta nella capitale kazaka Nur-Sultan la XIX sessione della Segreteria del Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali, all'interno della quale sono state discusse le questioni che preparano il prossimo Congresso, come riferisce il Senato del Kazakhstan sul proprio sito web. Nel suo discorso di apertura, Maulen Ashimbayev, presidente del Senato del Parlamento della Repubblica del Kazakhstan e capo della Segreteria del Congresso, ha osservato che il Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali è un fenomeno unico nell'agenda internazionale e uno strumento efficace per il dialogo interreligioso globale, sottolineando che negli anni della sua indipendenza il Kazakhstan è riuscito a costruire il proprio modello di pace e di dialogo nazionale fondato sui principi dell'unità nella diversità e della responsabilità comune per il futuro del Paese, del rispetto e della tutela dei diritti dei cittadini, indipendentemente dalla loro identità etnica e religiosa.
    "Quest'anno celebriamo il 30esimo anniversario dell'indipendenza del Kazakhstan. In questo arco di tempo siamo riusciti a creare il nostro modello di pace, unità nazionale e dialogo interreligioso. Questo modello, istituito dal primo presidente del Kazakhstan, Elbasy Nursultan Nazarbayev, ha dimostrato la sua efficienza e praticabilità. Oggi, la politica che garantisce l'accordo interetnico e interreligioso continua sotto la guida del presidente Kassym-Jomart Tokayev. Pertanto, per noi, l'ospitalità della Segreteria e del Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali non è un evento di costruzione dell'immagine, ma una parte organica e integrante del modello di sviluppo del Kazakhstan", ha dichiarato il presidente del Senato.
    Ashimbayev ha detto inoltre che l'attuale Segreteria si svolge mentre i problemi del mondo moderno si sono aggravati con la pandemia di coronavirus. Tra questi ci sono la crescente tensione internazionale causata da fattori geopolitici e geoeconomici, il crollo del sistema di sicurezza globale, l'intensificarsi della corsa agli armamenti e le questioni dell'agenda ambientale globale. "In questo contesto, l'obiettivo chiave dei leader spirituali, a nostro avviso, è quello di creare il giusto sistema di valori e riunire le persone attorno alle idee di pace, valori morali, accordo pubblico e sostegno reciproco. Il Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali mira proprio a questo obiettivo. E vorrei esprimere la mia profonda gratitudine per la vostra partecipazione e il sostegno attivo al nostro forum", ha affermato Ashimbayev.
    La sessione della Segreteria del Congresso ha riunito rappresentanti di religioni e confessioni mondiali di 20 Paesi, nonché rappresentanti di organizzazioni internazionali. Nei loro discorsi - sempre secondo quanto riporta il Senato del Kazakhstan sul proprio sito web - i leader religiosi hanno riconosciuto l'elevata importanza del lavoro che il Kazakhstan sta svolgendo a favore del dialogo interreligioso e interconfessionale non solo all'interno del Paese, ma anche a livello internazionale.
    In particolare, l'Alto rappresentante dell'Alleanza delle Civiltà dell'Onu, Miguel Ángel Moratinos, ha sottolineato l'importanza del Congresso per la discussione sul ruolo della religione nella società e dell'interazione a livello internazionale per la creazione di un mondo stabile e sicuro: "Questa piattaforma unica offre una buona opportunità per politici, leader religiosi, organizzazioni internazionali, regionali e tutte le parti interessate di discutere collettivamente i problemi del dialogo interreligioso e dello sviluppo sostenibile in un mondo più polarizzato. L'Alleanza delle civiltà dell'Onu sarà attivamente impegnata nei lavori del VII Congresso", ha affermato. L'appuntamento si terrà a Nur-Sultan il 14-15 settembre 2022 e si prevede che il Congresso sarà dedicato al ruolo dei leader del mondo e delle religioni tradizionali nello sviluppo sociale e spirituale dell'umanità dopo la pandemia. (ANSA).
   

In collaborazione con l’Ambasciata del Kazakhstan

Modifica consenso Cookie