Speciali

Kabul si arrende ai talebani. 'Rinasce l'Emirato islamico'

Ghani lascia il Paese. Stranieri in fuga dall'Afghanistan

Redazione ANSA JALALABAD

Kabul è nelle mani dei talebani che hanno annunciato la rinascita dell'Emirato Islamico. Dopo una giornata convulsa, caratterizzata dalla resa di fatto della capitale all'inarrestabile avanzata degli insorti, l'Afghanistan è ormai drammaticamente tornato nella morsa degli insorti. Dopo l'entrata di una testa di ponte nella città, apparentemente per avviare una trattativa e arrivare ad un governo transitorio, i fondamentalisti hanno improvvisamente sterzato verso la piena presa del potere. Con l'entrata in massa dei combattenti rimasti in attesa del via libera alle porte della città. Mentre il presidente Ashraf Ghani fuggiva in Tagikistan.

I talebani hanno assicurato di essere entrati in città per garantire la sicurezza, ma Kabul è immediatamente finita nel caos con le strade completamente bloccate per la popolazione in fuga, sparatorie segnalate in città e l'aeroporto "sotto tiro". L'ipotesi circolata in mattinata di un governo di transizione con a capo l'ex ministro dell'Interno Ali Ahmad Jalali è immediatamente evaporata con l'occupazione del palazzo presidenziale.

Mentre diplomatici e civili stranieri prendevano d'assalto l'aeroporto della capitale, dove alcuni Paesi come gli Stati Uniti hanno assicurato che manterranno una rappresentanza diplomatica. L'Italia ha evacuato l'ambasciata ed è partito il piano di evacuazione di diplomatici e cittadini, inoltre ha annunciato un ponte aereo per l'evacuazione di tutti i collaboratori afghani dei ministeri di Difesa ed Esteri. Riunioni di emergenza per analizzare la situazione sono state attivate in molti paesi occidentali, mentre la Nato ha sottolineato che la soluzione politica in Afghanistan è "più urgente che mai". Ma gli Usa, travolti dalle polemiche e accusati di aver scatenato l'escalation talebana, hanno continuato a difendere la loro politica di ritiro delle truppe. Lo ha fatto il segretario di Stato Antony Blinken che ha respinto ogni paragone con Saigon ed ha assicurato che gli obiettivi della guerra in Afghanistan sono stati raggiunti. Ma il timore è un salto indietro di 20 anni.

"Osserviamo completamente scioccati mentre i talebani prendono il controllo dell'Afghanistan. Sono profondamente preoccupata per le donne, le minoranze e i difensori dei diritti umani", ha scritto l'attivista e premio Nobel per la pace pakistana, Malala Yousafzai. I talebani hanno assicurato di essere cambiati, e che stavolta rispetteranno i diritti delle donne e consentiranno loro l'accesso all'istruzione. Ma sono in pochi a crederci. E lo dimostra la fuga in massa da Kabul. Migliaia di persone si sono messe in strada, a piedi o in auto, alla ricerca di una via di fuga. Centinaia di afgani hanno raggiunto la Porta dell'Amicizia nella città di Chaman, al confine tra Afghanistan e Pakistan, molti portando solo una borsa con le loro cose dopo essere scappati dalle loro case. Totale il caos all'aeroporto, con la gente sulle piste pur di riuscire a salire sugli aerei e lasciare il paese. E allerta per la sicurezza nello scalo, lanciata dall'Ambasciata Usa, mentre la Nato assicurato il suo aiuto per gestire le evacuazioni.

Di fronte all'emergenza, i voli commerciali sono stati sospesi, mentre restano operativi gli aerei militari, impegnati nelle procedure di evacuazione degli stranieri. Non è ancora definito quale sarà il futuro del Paese. Ma da tutto il mondo è arrivato l'appello alla pace e alla ricerca di una soluzione negoziata. A partire da Papa Francesco, che si è unito "all'unanime preoccupazione per la situazione in Afghanistan. Vi chiedo di pregare con me il Dio della pace affinché cessi il frastuono delle armi e le soluzioni possano essere trovate al tavolo del dialogo".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Modifica consenso Cookie