Made in Italy:46 eccellenze protagoniste

Deloitte 'Best managed companies', vince chi punta su qualità

(ANSA) - MILANO, 28 MAG - Aziende in crescita che puntano sulla qualità e si distinguono per capacità organizzativa, performance, strategia, innovazione, internazionalizzazione e sostenibilità. Sono le 46 imprese italiane, individuate da Deloitte, a cui va il riconoscimento di 'Best Managed Companies', il premio nato per supportare e valorizzare le eccellenze del Made in Italy. Queste imprese sono oggi protagoniste in Borsa Italiana nell'ambito dell'iniziativa Deloitte sostenuta da Altis Università Cattolica, Elite (programma del London Stock Exchange Group che supporta lo sviluppo e la crescita delle imprese ad alto potenziale) e Confindustria. Le quarantasei eccellenze sono distribuite su tutto il territorio nazionale, ma a fare la parte del leone è la Lombardia con 17 realtà (37%), seguita da Emilia Romagna (13%), Piemonte (10,9%) e Veneto (8,9%). Mediamente le aziende 'best managed' hanno registrato una crescita del fatturato del 20% e un incremento del risultato netto del 13,5% in un anno (2016-2017). Il settore più rappresentato è quello manifatturiero (74%), seguito da informazione e comunicazione (7%) e consulenza (4%) a pari merito con wholesale e retail.
    A ricevere il premio saranno l'azienda abruzzese Farnese Group, le campane Ambiente e RDR, le emiliane C.L.A.I., Coswell, Custom, I.C.E.L., Kaitek Flash Battery, Vici & C., la friulana Calligaris, la laziale Engineering, la ligure Sanlorenzo, le lombarde Alfa Parf Group, Antares Vision, Colcom, Cioccolatitaliani, O.E.B. Brugola, Cefriel, Epta, Farmol, Giorgetti, Italian Design Brands, Longino & Cardenal, LVF, Nemo Lighting, Poliform, Sabaf, Silanos e Tecno, le marchigiane Biesse, Elica e Sabelli, le piemontesi Gessi, Gruppo Ebano, Laica, Nord Ovest e Ponti, la pugliese Master, la sarda Fratelli Ibba, la siciliana Irritec, la toscana NWG Energia la trentina Cantine Ferrari e le venete FiloBlu, Tapì, Alpac e San Marco Group. "Il livello di fatturato -spiega Deloitte - non è un driver determinante per la vittoria. Le aziende vincitrici, infatti, considerano l'eccellenza dei prodotti e servizi il vero fattore differenziante (indicato dal 63%), ma sono importanti anche la gestione delle relazioni con i clienti (41%), la promozione dell'innovazione a tutti i livelli aziendali (39%) e una strategia strutturata e ben definita (32%)".
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia


        Vai al sito: Who's Who