Economia

  1. ANSA.it
  2. Economia
  3. Risparmio & Investimenti
  4. Approfondimenti
  5. La necessità urgente di un accordo globale per ripulire gli oceani
Responsabilità editoriale di ADVISOR, testata edita da Open Financial Communication

La necessità urgente di un accordo globale per ripulire gli oceani

Finora nei nostri oceani si sono accumulate tra gli 86 e i 150 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica - questo è il risultato allarmante di uno studio pubblicato dal WWF e dall'Alfred Wegener Institute, Helmholtz-Zentrum für Polar- und Meeresforschung (AWI) di Bremerhaven. "Senza un accordo globale legalmente vincolante, analogo all'accordo sul clima di Parigi delle Nazioni Unite, probabilmente non sarà possibile risolvere il problema", dice Paul Buchwitz, gestore del fondo DWS Concept ESG Blue Economy.

 

I rifiuti di plastica negli oceani sono alimentati da varie fonti. Articoli usa e getta ma anche reti, corde o lenze provenienti da attrezzi da pesca scartati o persi. Un'altra grande quota è rappresentata dalle cosiddette microplastiche.

 

Ma perché l'inondazione di plastica è così pericolosa per gli oceani del mondo e altri ecosistemi? Prima di tutto, i pesci e gli uccelli rischiano di rimanere impigliati nelle reti, nelle corde o nei fili e così finiscono per ferirsi o rimanere strangolati.

 

Inoltre, le micro e nano plastiche finiscono nello stomaco di quasi tutta la vita marina e vengono ingerite dagli esseri umani attraverso il cibo. L'ingestione di queste particelle di plastica ha conseguenze mortali per batteri come il Prochlorococcus marinus, che è responsabile per la produzione di circa il 20% del nostro ossigeno e l’assorbimento del 20% di anidride carbonica.

 

Come fermare quindi questa inondazione di plastica negli oceani? Da un punto di vista tecnico ed economico, ripulire gli oceani del mondo dai rifiuti di plastica non è ancora un'alternativa. La soluzione, che Buchwitz conferma sia appetibile anche per gli investitori, è quella del riciclo oppure i materiali alternativi.  

 

Nell'UE, per esempio, la capacità di raccogliere e riciclare i rifiuti è attualmente stimata al 36% del volume totale. Tuttavia, secondo la legislazione, almeno il 50% di tutti gli imballaggi di plastica dovrebbe essere riciclato entro il 2025.

 

Secondo il gestore del fondo, la soluzione dei materiali alternativi è una strada percorribile. Negli Stati Uniti, per esempio, un certo numero di società quotate stanno lavorando su plastiche biodegradabili. Anche se ci sono ancora alcune restrizioni, come il fatto che il materiale si decompone solo in determinate condizioni, i progressi in questa tecnologia sono notevoli. “Al contrario, i processi per produrre altre alternative di imballaggio come la carta e il cartone sono stati perfezionati da tempo", dice Buchwitz. Lo stesso vale per i contenitori metallici in alluminio, per esempio, la cui impronta di carbonio è competitiva con le alternative esistenti.

 

Purtroppo, secondo lo studio AWI, l'industria della plastica ha investito circa 180 miliardi di dollari in nuove fabbriche dal 2010, il che potrebbe portare a un aumento del 40% della produzione nei prossimi decenni. Pertanto, la ricerca di materiali alternativi ad essa e il riciclo potrebbero effettivamente avere bisogno di essere supportati da un ulteriore quadro politico nella lotta contro i rifiuti oceanici, così come è accaduto con gli accordi di Parigi per la lotta al cambiamento climatico.

La responsabilità editoriale e i contenuti sono a cura di ADVISOR, testata edita da Open Financial Communication

Video Economia



Modifica consenso Cookie