Cultura

Dolce e Gabbana, la luce dopo la pandemia

Tutto brilla di pietre, la femminilità è estrema come nei 2000

(ANSA) - MILANO, 25 SET - E luce fu: come a esorcizzare la pandemia, tutto brilla sulla passerella di Dolce e Gabbana, che non a caso hanno chiamato 'light' la loro collezione per la prossima estate, che sarà ad alto tasso di seduzione.
    Per tornare alla vita serve "un raggio di luce fortissimo" e Dolce e Gabbana lo hanno trovato guardando agli anni 2000: "allora arrivavamo da un momento molto buio, quello del minimalismo, che per noi - raccontano oggi - era un annientare la femminilità, un toglierle il piacere di esprimersi". Se nel 2000 erano stanchi di quell'estetica, ora sanno che quello da cui si esce è un buio diverso, ma forse i due periodi hanno qualcosa in comune se i capi di quel periodo vanno a ruba - raccontano - nei negozi vintage. E allora sono diamanti e pietre ad accendere ogni capo, dai pantaloni con le stringhe, il reggiseno e la gonna-cintura con la fibbia che sono una riedizione dei cult di 20 anni fa, alle T-shirt omaggio a J Lo.
    E poi ci sono i pantaloni militari e quelli skinny, i costumi da bagno scintillanti e "super erotici" portati con l'intimo di pizzo, "nuovo oggetto di piacere come il body degli anni 80". Tutto all'insegna di una femminilità estrema e super sexy che "non è una nudità volgare o sporca - precisano gli stilisti - ma un gioco". E sono abiti guepiere con le stringhe, tubini mini di frange luccicanti, vestiti a fiori, capi aderentissimi metà animalier luccicante e metà pizzo nero. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie