Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Cinema
  4. Il film su ong Open Arms, salvare vite non è reato

Il film su ong Open Arms, salvare vite non è reato

A Festa Roma fondatore Camps. 'Salvini? Speriamo in giustizia'

(ANSA) - ROMA, 15 OTT - Una storia "di persone normali con problemi quotidiani che decidono di fare qualcosa per cambiare le cose. Noi abbiamo sentito di dover agire dopo aver visto la foto del piccolo Alan Kurdi, ma quanti Alan Kurdi ci sono stati senza una foto che li mostrasse?". Lo dice Alla Festa del Cinema di Roma, Oscar Camps, fondatore di Open Arms, parlando del film che ripercorre la nascita della Ong nel 2015, Open Arms - La legge del mare' di Marcel Barrena dove Camps è interpretato da Eduard Fernandez.
    Il film, che arriverà nelle sale italiane distribuito da Adler Entertainment "parla del salvare le vite in mare, qualcosa che in questi sei anni è diventato un reato. E' stato stravolto dalla politica quello che è sempre stato un atto umano, salvare chi ha bisogno di aiuto indipendentemente dalla provenienza e dalle condizioni economiche" aggiunge Camps, calsse 1963, che ha partecipato al progetto (durato quattro anni), per rendere il racconto il più realistico possibile. Nel film appaiono veri profughi che hanno vissuto storie simili a quelle raccontate: "Non volevamo trattare i migranti come esseri anonimi e disumanizzati, ma come esseri umani, compagni di strada e non forestieri" spiega Barrena, già regista di film come 100 Metros.
    Nella storia si parte dall'autunno 2015, quando Òscar, titolare di una società specializzata in operazioni di salvataggio e soccorso in molte spiagge e piscine spagnole, colpito dall'immagine di Alan Kurdi, il bambino annegato nel Mediterraneo, decide di partire per Lesbo dove lo raggiunge l'amico e collega Gerard, mettendo a disposizione le loro capacità professionali per aiutare salvare le migliaia di persone che arrivavano su imbarcazioni precarie. Un impegno, soprattutto all'inizio, contrastato dalle autorità locali, che non apprezzano l'intrusione', ma Oscar non si scoraggia e grazie anche all'aiuto di sempre più volontari, pensa a rendere sempre più strutturati gli interventi, creando un'ong. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie