Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. Salute mentale: card.Zuppi a incontro 'Le parole ritrovate'

Salute mentale: card.Zuppi a incontro 'Le parole ritrovate'

"Più collaborazione tra medici e famiglie. Maggior impegno Cei"

Difficilmente i promotori potevano immaginare una migliore mattinata conclusiva del 22/o Incontro nazionale a Roma de Le Parole ritrovate. Momento centrale di questa ultima giornata la partecipazione del cardinale Matteo Zuppi, Presidente della Cei. Una partecipazione che il mondo di Parole ritrovate ha accolto come un regalo di straordinaria importanza, sapendo quanto il cardinale, che dopo pochi minuti è diventato per tutti 'don Matteo', è uomo che degli ultimi ha fatto la sua ragione di vita. In una chiacchierata a più voci fatta con Zuppi alla Sala Umberto sul tema della salute mentale, sono stati condivisi almeno 5 punti in cui i partecipanti si sono reciprocamente riconosciuti.

Il primo, "l'importanza del mettere davvero al centro utenti e familiari in una salute mentale che in Italia ancora in troppi luoghi e troppo spesso vive di un approccio 'medico-centrico' che non aiuta quei percorsi di ripresa sociale oggi noti come percorsi di recovery, capaci di rimettere la persona col disagio al volante della sua vita e riportarla dentro la comunità".

Il secondo, "il valore dell'approccio del fareassieme di Parole ritrovate che senza negare il sapere professionale degli operatori crede profondamente in quello esperienziale di utenti e familiari: solo mescolando i due saperi la salute mentale riconsegna dignità responsabilità e cittadinanza alle persone e alle famiglie che vivono un disagio psichico importante".

Il terzo, "la volontà da parte della Cei di un maggiore impegno sui temi della salute mentale, con una attenzione alla crescita del disagio nel mondo giovanile. A partire dal dato di realtà che le problematiche della salute mentale sono tra i principali buchi neri che affliggono almeno 2 milioni di famiglie nelle nostre comunità".

Il quarto, "l'importanza dei progetti che Parole ritrovate ha attivato negli anni in diversi paesi esteri, dal Nord Europa alla Cina, dal Giappone al Brasile sino ai due progetti più importanti: la costruzione di una scuola professionale a Muyeye un poverissimo villaggio in Kenya con i fondi raccolti dalle tante realtà italiane di Parole ritrovate; e la costruzione in India, a Kochin, di un Centro di salute mentale capace di contrastare la risposta manicomiale e anche di accogliere un gruppo di 50 donne 'salvate' da uno dei più terribili manicomi del posto".

E infine, quinto punto, "l'impegno di ritrovarsi nel prossimo futuro a Bologna per dare seguito a tutto quanto in un bellissimo incontro tra il card. Zuppi e il mondo di Parole ritrovate abbiamo cominciato a condividere con la passione che anima sempre le cose che meritano di essere fate per riportare a pieno titolo nelle nostre comunità chi ne è stato per troppo tempo escluso".    

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie