Sicilia

  1. ANSA.it
  2. Sicilia
  3. Speciali
  4. >ANSA-BOX/Tour Miceli con Conte, r.cittadinanza non si tocca

>ANSA-BOX/Tour Miceli con Conte, r.cittadinanza non si tocca

Candidato sindaco nei quartieri popolari con leader M5s

Redazione ANSA PALERMO

(ANSA) - PALERMO, 06 GIU - La difesa del reddito di cittadinanza "contro chi nel centrodestra (....ma anche Renzi) vuole abolirlo", il sostegno al salario minimo, la salvaguardia dell'occupazione (come per i 540 lavoratori ex Almaviva che rischiano il posto): sono il leitmotiv del tour che Franco Miceli, candidato sindaco del centrosinistra e del M5s, ha fatto con Giuseppe Conte. Il leader del M5s è arrivato a Palermo - dove continuerà il tour domani - per sostenere la sua candidatura. Un giro cominciato nella borgata marinara di Sferracavallo, dove le strade sono piene di cumuli d'immondizia nonostante sia cominciata la stagione balneare, con la temperatura oltre i 30 gradi da giorni e le spiagge affollate. A Miceli la gente di Barcarello, il lungomare che arriva fino alla riserva protetta di Capo Gallo, ha chiesto aiuto contro il degrado di questa borgata splendida che si da' da fare per accogliere al meglio i turisti nonostante i tanti problemi: tant'è che da anni alcuni residenti si battono per un referendum con lo scopo di staccarsi da Palermo e creare un Comune a se stante. "M'impegno perché questa meravigliosa zona di Palermo acquisti la dignità che merita", dice Miceli mentre la folla chiede aiuto anche a Conte.
    Poi il pranzo in una trattoria, affacciata sul mare nella piazzetta di Sferracavallo, assieme ai candidati dei 5stelle al Comune di Palermo. Conte e Miceli seduti allo stesso tavolo.
    Brindisi tra i due, entrambi in camicia bianca, e applausi degli oltre 100 commensali - tra candidati in consiglio e alle circoscrizioni - che non perdono occasione per avvicinarsi e scambiare due parole con l'ex premier. I due insieme poi si spostano in via Ruggero Settimo, nel centro di Palermo, dove incontrano alcuni lavoratori ex Almaviva che temono di perdere il lavoro: 540 famiglia disperate. Conte e Miceli li ascoltano, si crea un capannello mentre uno sciame d'api staziona sopra la testa del folto gruppo che circonda il leader del M5s e il candidato sindaco: "E' stato Roberto Lagalla (candidato del centrodestra) a liberarle proprio ora", ironizza la folla, mentre alcune persone impaurite si allontanano. Infine tappa a Brancaccio, nella Casa museo del beato padre Pino Puglisi, assassinato dalla mafia nel '93. Conte viene accolto dagli applausi, la gente è affacciata alle finestre. Miceli arriva quando l'ex premier è tra la gente che gli chiede selfie e lo invoca: "Il reddito di cittadinanza non si tocca", urla la piazza. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie