Reddito: parte l'avventura dei navigator

Giornata di orientamento guidata da presidente Anpal Parisi

L'avventura dei navigator comincia in Sardegna: 121 giovani selezionati da Anpal Servizi per collaborare con i centri per l'impiego con l'obiettivo di individuare un'offerta di lavoro adatta per i beneficiari del reddito di cittadinanza, oggi tutti impegnati a Cagliari in una giornata di orientamento guidata dal presidente dell'Anpal Mimmo Parisi.
    "Diamo inizio a questo nuovo modo di fare politiche attive del lavoro e introduciamo questa figura - ha spiegato Parisi - dal punto di vista operativo oggi sono importanti due aspetti: un momento di formazione in cui spiegherò i contenuti che il navigator dovrà apprendere nei prossimi sei mesi, e poi un momento informativo su tutto ciò che serve al navigator per svolgere i suoi compiti". Parisi ha anche precisato che "il navigator non è un tutor, ma deve dare un'assistenza tecnica ai centri dell'impiego in modo tale che il percorso venga fatto con tutte le risorse disponibili ma in maniera personalizzata".
    Chi sono i 121? "L'identikit - ha aggiunto il presidente dell'Anpal - rispecchia la realtà lavorativa italiana, dai giovani ai meno giovani, li accomuna il fatto che tutti sono venuti qui per rimettersi in gioco ed essere parte di un'Italia che vuole cambiare, sono tutti laureati con una media di 106".
    Quanto all'inizio del tour in Sardegna, "non c'è una ragione particolare, semplicemente volevamo partire dalle Isole che spesso sono le ultime a essere prese in considerazione". Parisi ha chiarito infine che "il patto per il lavoro parte dal riconoscimento del reddito, uno volta che un soggetto lo percepisce, prende l'impegno di utilizzare queste risorse come un investimento al fine di avere un posto di lavoro".
    Alla giornata di formazione è intervenuta anche l'assessora del Lavoro, Alessandra Zedda: "Da subito la Sardegna si è dimostrata pronta con i suoi centri dell'impiego ad aprire la partita dei navigator, noi ci auguriamo che si possa costruire la fase due del reddito di cittadinanza, perché la nostra sfida è offrire il lavoro".
    Per i navigator Anpal Servizi ha disegnato un percorso formativo che prevede 16 moduli per un totale di circa 200 ore da realizzare nell'arco dei primi 4 mesi di attività. Ciascun modulo ha una durata media di circa 12 ore e si basa sulla tecnica dell'apprendimento strutturato al lavoro. Il percorso prevede il 20% delle ore in modalità di lezione frontale in presenza e on line, il 20% in modalità collaborativa e il 60% in modalità on the job. La modalità formativa training on the job consente ai navigator di essere pienamente operativi già ad agosto e di collaborare già dal prossimo mese con gli operatori dei centri per l'impiego delle Regioni, in base alle modalità previste nelle convenzioni.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere