Sardegna
  1. ANSA.it
  2. Sardegna
  3. Morto durante stage: studenti in marcia anche a Cagliari

Morto durante stage: studenti in marcia anche a Cagliari

"Alternanza-scuola-lavoro è ricatto, oggi pagato col sangue"

Studenti in piazza in tutta Italia per ricordare Lorenzo Parelli, il ragazzo morto durante l'ultimo giorno di stage a Udine. E anche a Cagliari decine di studenti si sono ritrovati davanti al porto per ricordare il "compagno" e manifestare contro le attuali modalità dell'alternanza scuola lavoro. Poi marcia verso piazza del Carmine per gli interventi conclusivi: "Manifestiamo per portare avanti la voce di Lorenzo Parelli, e per tutte quelle persone morte sul lavoro. Senza tutele né sicurezze gli studenti, durante i progetti svolti, sono abbandonati dalle istituzioni" ha spiegato Asia Piras, coordinatrice di Eureka - Rete degli Studenti Medi Cagliari.

"Siamo qua oggi per ricordare Lorenzo, vittima dell'alternanza scuola-lavoro - ha aggiunto - Ma io mi chiedo: è stato davvero un incidente? Una morte bianca? Credo proprio di no. Lorenzo è stato ucciso da un sistema di sfruttamento. Un sistema che ci costringe a lavorare gratuitamente, senza formazione, senza sicurezza. Abbiamo fatto le nostre 8 ore di corso sulla sicurezza obbligatorio e poi ci hanno dato in pasto ad aziende pagate per assumerci, senza che noi vedessimo un soldo. Durante il nostro percorso di studi sacrifichiamo ore e ore della nostra vita per lavorare, anziché stare a scuola, o peggio, sacrifichiamo il nostro tempo libero. Ci danno lavori inutili o alienanti, che spessissimo non hanno nulla a che vedere con quello che studiamo. Ci privano della nostra vita sociale, dei nostri interessi, delle nostre passioni per costringerci a lavorare come i nostri nonni".

Ancora proteste. "Perché noi - ha continuato Piras - non abbiamo scelta, se non completiamo il percorso di alternanza fino all'ultimo minuto ci possiamo scordare di essere ammessi all'esame di stato. È un ricatto. E oggi questo riscatto l'abbiamo pagato col sangue. Lorenzo era uno di noi, aveva 18 anni. Dobbiamo alzare la testa, altrimenti lui sarà solo il primo di tanti. Dobbiamo lottare in onore di Lorenzo e rivoluzionare il sistema. Perché tutto questo non è scuola e non è lavoro" .
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie