Adesca minorenni su social, denunciato

Con falso profilo da promoter chiedeva foto di nudo a ragazzine

Ha aperto un profilo Instagram fingendo di essere un promoter di una nota marca di intimo e ha organizzato un contest chiedendo alle partecipanti, quasi tutte minorenni, di inviare foto di nudo o con addosso l'intimo, per vincere prodotti o addirittura diventare testimonial. Un cuoco 36enne residente in provincia di Nuoro, ma domiciliato a Sassari, è stato denunciato dagli agenti della polizia postale di Cagliari per detenzione di materiale pedopornografico e adescamento di minore. Vittima una 16enne residente in Sicilia.

Sono in corso le indagini per individuare altri casi visto che la Polpost ha sequestrato al 36enne centinaia di foto di altre ragazze non ancora identificate. Le indagini sono partite diversi mesi fa inizialmente in Sicilia e poi in Sardegna. Gli specialisti della polizia dopo aver ricevuto segnalazioni su strani profili aperti su Instagram hanno fatto scattare gli accertamenti, scoprendo che l'attività del 36enne che aveva già adescato la ragazzina. Dopo i primi contatti sul social network le aveva chiesto il numero di telefono e le foto, inviate tramite WhatsApp.

Individuato il 36enne, è scattata la perquisizione nella sua abitazione. Sono stati sequestrati tablet, notebook e due smartphone, "dal cui esame si è avuta conferma dei contatti con la minore - spiegano dalla Polpost - nonché l'utilizzo, da parte dell'uomo, di altri cinque profili Instagram probabilmente utilizzati per le medesime finalità". Nei supporti informatici sequestrati sono state trovate sia le foto inviate dalla ragazzina che altri scatti con altre giovani e giovanissime, vittime del denunciato. Le indagini, su questo aspetto, non sono ancora concluse.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA