Tasse e bollette, arriva "Pagopà"

Sinora 35 enti coinvolti. Satta, servizio sarà esteso a tutti

Arriva "PagoPA'", nuovo metodo introdotto dalla Regione Sardegna che consentirà ai cittadini di pagare tributi, tasse, utenze, rette, quote associative, bolli direttamente verso le pubbliche amministrazioni aderenti. Il servizio - attivo da lunedì 16 settembre - è previsto dal Codice dell'amministrazione digitale e si trova già nel sito della Regione (https://pagamenti.regione.sardegna.it) integrato con quello di autenticazione Spid, con la tessera sanitaria - Carta nazionale dei servizi, con lo Sportello unico dei servizi e con il sevizio Digital Buras. A breve è prevista l'integrazione con la piattaforma Sibar, che gestisce i principali servizi informatici dell'Amministrazione regionale.

"Grazie a questo progetto - spiega l'assessora degli Affari generali Valeria Satta - i pagamenti potranno avvenire in modo diretto, semplice, standardizzato e affidabile". Sinora gli enti interessati sono 35, per la maggior parte Comuni: Banari, Baradili, Barumini, Cargeghe, Dorgali, Elmas, Escalaplano, Galtelli, Guspini, Marrubiu, Olbia, Padria, San Basilio, Sant'Andrea Frius, Segariu, Senis, Serrenti, Siamaggiore, Siapiccia, Siddi, Sini, Siris, Suelli, Tempio Pausania, Tissi, Tramatza, Turri, Uras, Usellus, Villanovaforru, Zeddiani. E poi il Consiglio regionale, l'Ersu Cagliari e Laore. Ma "progressivamente - annuncia l'esponente della Giunta Solinas - saranno coinvolti tutti i Comuni e il servizio sarà esteso ad altri, come aziende a partecipazione pubblica, scuole, università, e comparto sanità. Stiamo lavorando per promuovere una Sardegna digitale sempre più vicina al cittadino", assicura Satta.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere