Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Terza Commissione: approvato l’assestamento del bilancio di previsione 2022-2024

La proposta torna nella Prima commissione del Consiglio regionale del Veneto

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Terza Commissione: approvato l’assestamento del bilancio di previsione 2022-2024

(Arv) Venezia 6 lug. 2022 - Nel corso della seduta odierna, la Terza Commissione permanente del Consiglio regionale del Veneto presieduta da Marco Andreoli (Lega-LV), Vicepresidente Cristina Guarda (Europa Verde), ha licenziato a maggioranza il Pdl n. 147 di iniziativa della Giunta regionale “Assestamento del bilancio di previsione 2022-2024”. Ogni anno con legge viene approvato l'assestamento del bilancio di previsione, sulla base delle definitive risultanze contabili relative all’esercizio precedente. Nel corso della seduta, l’Assessore allo Sviluppo Economico-Energia Roberto Marcato, ha illustrato in breve “le sole tre voci che hanno comportato una variazione: Energia; Sviluppo Economico; Imbarcazioni tipiche”.

  1. è stata data risposta all’Interrogazione a risposta in commissione n. 14 presentata dalla consigliera Guarda (EV) “ZRC rotte del Guà, segnalazioni su possibili pregiudizi alle funzioni di tutela: quali verifiche?”. L’interrogazione ha avuto la seguente risposta: numerose sono state le sanzioni imputate a chi ha arrecato disturbo alla selvaggina. Si fa presente che nel 2021, un esempio per tutti, è stato sanzionato anche un pilota che atterrando nella zona in oggetto disturbava la fauna. L’impegno è di procedere in questa direzione ampliando le azioni d’intervento a tutela del territorio.

La Terza Commissione ha esaminato e approvato all’unanimità la Rendicontazione n. 95 – Relazione sull’andamento della gestione di Veneto Agricoltura (annualità 2021). Primo e secondo semestre 2021. La relazione presentata, è una sintesi della gestione di Veneto Agricoltura. Per l’occasione sono state evidenziate, le attività extra ordinarie 2021, frutto anche delle proposte espresse dalla Terza Comm.ne consiliare, come per esempio, l’individuazione di un sito tra Verona e Vicenza per la sperimentazione agricola. Di fatto, la relazione, fotografa un Ente ristrutturato, articolato in una direzione che si occupa di gestione delle imprese e di una direzione che si occupa di innovazione e ricerca con le Università di riferimento; Esiste un rapporto di  collaborazione con Veneto Agricoltura del FVG. E’ importante sottolineare che Veneto Agricoltura segue tutto, dall’agricoltura al forestale.  La formazione riveste uno spazio importante con il rilascio di 1200 attestati ai formatori che si occuperanno di aggiornamento e il settore di punta, è rappresentato dai report economici elaborati dai dipendenti di Veneto Agricoltura, con valenza  regionale e di confronto per i dati nazionali. Molte le attività naturalistiche promosse, di rilievo le attività per la Vacca Burlina, l’unica razza bovina autoctona del Veneto. Tra le aziende controllate da Veneto Agricoltura, si ricorda, CSQA Certificazioni con sede a Thiene e Intermizoo (Azienda nel settore della genetica animale che opera da più di 40 anni).

 

Con il parere favorevole della Sesta Commissione e della Prima Commissione, con una riscrittura della norma finanziaria, si rimanda alla prossima seduta, l’esame del  Pdl n. 133 primo firmatario consigliere Rigo (Lega/LV) “Valorizzazione della tradizione enogastronomica veneta. Istituzione del logo ristorazione tipica del Veneto”.

Infine, la Terza Commissione ha illustrato il Pdl n. 140 di iniziativa della consigliera Cestaro (Lega/LV) “Modifica alla legge regionale 9 dicembre 1993, n. 50 ‘Norme per la protezione della fauna selvatica per il prelievo venatorio’”. Premesso che  compete alla Regione la pianificazione  faunistico venatoria di tutto il territorio agrosilvo-Pastorale, nell’ottica di tutelare l’attività agricola, si stabilisce che l’esercizio venatorio è, comunque, vietato in forma vagante sui terreni in attualità di coltivazione. La disposizione statale offre quindi già una tutela che tuttavia, in considerazione anche dell’evolversi delle tecniche di coltivazione, appare non sufficiente a preservare l’attività agricola in particolari tipologie di coltivazioni da ulteriori danni. A seguito delle recenti audizioni con le associazioni agricole ed ambientali, la Terza Commissione ha recepito utili osservazioni al progetto di legge.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Modifica consenso Cookie