Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Comune di Genova

Ex caserma "Pilo", sopralluogo del sindaco Bucci e dell'assessore Piciocchi

Ufficio stampa Comune di Genova

Comune di Genova

Questa mattina il sindaco Marco Bucci e l’assessore ai lavori pubblici Pietro Piciocchi hanno effettuato un sopralluogo presso il cantiere dell’ex caserma “Rosolino Pilo” a Carignano, dismessa definitivamente dal Ministero della Difesa nel 2016. Con loro erano presenti il direttore regionale dell'Agenzia del Demanio Giovanni Zito, il prefetto Renato Franceschelli, il questore Orazio D’Anna e il capo della Direzione Investigativa Antimafia di Genova Maurizio Panzironi.

Lo storico edificio del Cinquecento, di grande pregio architettonico ed artistico e di proprietà demaniale, è oggetto di un importante progetto di valorizzazione e di razionalizzazione degli spazi. Nell’ampio fabbricato di via Innocenzo IV saranno collocati il commissariato Genova Centro della Polizia, uffici della Prefettura e la sede della Direzione Investigativa Antimafia di Genova. L'immobile, dal nucleo centrale a pianta quadrata, è stato oggetto di diversi utilizzi e nel tempo ha subito varie modifiche sino ad essere adibito a caserma nell’Ottocento. Questa operazione, tra i vari vantaggi, consentirà l’eliminazione di alcuni fitti passivi.

«Con questo intervento si va a sanare una situazione di abbandono di un edificio di pregio nel cuore della città - commenta il sindaco Marco Bucci -. I lavori saranno eseguiti con una attenzione particolare al green, sia nell'utilizzo di materiali che con l'applicazione di pannelli fotovoltaici. Gli uffici che troveranno spazio qui porteranno inoltre nuova vitalità al quartiere, grazie all'indotto. Gli importanti lavori di recupero restituiranno decoro e pregio all'edificio cinquecentesco».

«Per il suo elevato valore storico e per la sua collocazione a ridosso del centro storico è davvero importante che i lavori di riqualificazione dell’ex caserma Pilo siano partiti e stiano procedendo nel migliore dei modi - afferma l’assessore ai lavori pubblici Pietro Piciocchi -. Ringrazio l’Agenzia del Demanio per la collaborazione e l’impegno che, anche in questa circostanza, sta offrendo alla nostra Amministrazione e alla città».

La gara per realizzare i lavori è stata aggiudicata per oltre cinque milioni di euro a un’associazione temporanea di imprese costituita da due realtà liguri: Tecnoedile Srl e Ceisis Spa.

L’area è stata consegnata lo scorso 26 gennaio e, subito dopo aver approntato le attività di cantierizzazione e di approvvigionamento dei materiali, l’impresa appaltatrice ha eseguito pulizia e sfalcio del cortile esterno e ripristinato l’accesso carrabile. Attualmente in tutti i piani dell’edificio sono in corso attività di rimozione degli infissi interni, dei serramenti, delle persiane, dei controsoffitti e delle varie sovrastrutture. È stata contemporaneamente messa in sicurezza la ringhiera di copertura in attesa della sua completa sostituzione. La prossima fase prevede il consolidamento dell’edifico ed esecuzioni di opere strutturali dell’ultimo piano.

L’intero intervento sarà caratterizzato dall’applicazione dei più elevati standard internazionali, sempre nel rispetto dei vincoli e delle peculiarità storiche dell’edificio. Particolare attenzione è riservata alla sostenibilità ambientale ed all'efficienza prestazionale dell’immobile: oltre a consolidare e incrementare gli indici di sicurezza sismica, tutta l’impiantistica sarà rinnovata con moderni sistemi di monitoraggio e gestione del consumo di acqua ed elettricità oltre che della qualità dell’aria. Il progetto prevede l’uso di materiali riciclati e provenienti da fornitori di prossimità, l’applicazione di pannelli fotovoltaici e la copertura verde di molte aree. La conclusione dei lavori è prevista ad ottobre 2023.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Comune di Genova

Modifica consenso Cookie