Press Release

Massimo Bocci, ai calciatori dico: pianificate le vostre finanze. Effetto Covid nei prossimi anni

 © ANSA
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Progetto Comunicazione

La crisi finanziaria causata dal Covid colpisce anche lo sport professionistico e, in particolare, il calcio che si trova ad affrontare problemi mai evidenziati prima. Con gli stadi vuoti e le entrate decisamente ridimensionate i club sono stati costretti a rivedere le proprie strategie finanziarie e di investimento e, questo, inevitabilmente ha avuto ricadute sui calciatori.

“Il Coronavirus – spiega Massimo Bocci, manager e private banker di Azimut Global Advisory – ha sconvolto le stagioni sportive. I Club hanno registrato meno entrate e di conseguenza hanno dovuto tagliare gli stipendi dei giocatori. Il calcio sta vivendo un periodo di grandissima difficoltà e ci vorranno diversi anni per registrare di nuovo i numeri che siamo abituati a vedere intorno al business del pallone. Molti settori, tra cui proprio l’industria del calcio, si sono trovati impreparati a gestire una situazione straordinaria come la pandemia”.

In questo contesto – aggiunge Bocci – “molti club, anche quelli più blasonati, hanno dovuto rivedere le proprie strategie e contrarre fortemente gli investimenti e gli acquisti nella sessione estiva di calciomercato e di conseguenza tagliare i costi, la cui voce maggiore a bilancio vede proprio gli stipendi dei giocatori. Questo ha provocato, in poco tempo, mesi di buco nella voce entrate proprio dei calciatori, abituati a vivere di flussi mensili importanti. Così, mentre una parte non ha subito grossi problemi di autosufficienza, altri hanno adesso qualche difficoltà ed hanno iniziato ad intaccare il capitale accumulato per vivere. Questo perché non tutti hanno stipendi milionari”.

Secondo il banker, quindi, “adesso più che mai è importante programmare investimenti mirati, per proteggere il proprio futuro una volta chiusa la carriera. Prendere coscienza di cosa si sottoscrive ed il perchè si sceglie una strategia piuttosto che un’altra. Il mercato è in continua evoluzione e una pianificazione finanziaria significa non solo la scelta sul mercato degli strumenti più idonei ed efficaci, ma anche un’attenta ottimizzazione fiscale nel corso degli anni, garantendo allo sportivo professionista una protezione del proprio patrimonio a 360 gradi, anche in termini successori”.

Bocci ricorda poi che i dati sulle difficoltà economiche che incontrano molti calciatori pochi anni dopo aver smesso di giocare sono allarmanti. “Il tema è molto caldo – aggiunge -, così ad aprile, in pieno lockdown, ho deciso di lavorare su un progetto coinvolgendo tutti i partner più importanti con cui da anni gestisco con successo patrimoni degli sportivi. Un vero e proprio Family Office per gli sportivi professionisti che sarà lanciato nelle prossime settimane. Ogni partner è leader internazionale nel proprio settore di competenza funzionale per offrire una consulenza patrimoniale, fiscale, legale di eccellenza a giocatori, club, federazioni, procuratori, e a tutti gli addetti si lavori nello sport pro”.

Massimo Bocci, senior private banker di Azimut Global Advisory, si occupa di gestione finanziaria e investimenti. Agente Fifa da oltre vent’anni insegna agli sportivi professionisti a gestire al meglio le proprie finanze per garantirsi un futuro stabile e sereno. Svolge attività di consulenza finanziaria su grandi patrimoni di importanti famiglie italiane e di prestigiosi professionisti dello sport,  ma da diversi anni rivolta anche alle giovani promesse del calcio.

  • Progetto Comunicazione
  • 01 dicembre 2020
  • 10:48

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie