• Tiziano Meoni: investire nelle attività turistico-ricettive a Roma, può rendere fino al 15% annuo!
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Tiziano Meoni: investire nelle attività turistico-ricettive a Roma, può rendere fino al 15% annuo!

Pagine Sì! SpA

“Roma resta ancora una meta turistica fra le più visitate al mondo ed investire in attività ricettive può rendere fino al 15% annuo. – dichiara Tiziano Meoni, consulente ed imprenditore nel settore – È fondamentale però una profonda conoscenza delle zone dove intraprendere queste attività e la capacità di scegliere l’immobile che abbia determinate caratteristiche”.

Ottime notizie dunque per chi vuole investire purché ci si avvalga di professionisti che abbiano maturato negli anni le capacità e l’esperienza necessaria nel mercato dell’offerta turistica dove i numeri sono in continua ascesa. Proprio per questo, non tutti sono in grado sviluppare un progetto che sia adeguato agli obiettivi di redditività sperati ed improvvisarsi comporta dei rischi sia economici che penali.

“Bisogna essere profondi conoscitori delle leggi e delle normative vigenti perché la burocrazia comporta molti adempimenti e molte sanzioni anche piuttosto onerose ed alcune possono portare anche alla chiusura dell’azienda. – sottolinea Tiziano Meoni, che da anni sviluppa progetti ed è anche General Manager di alcuni hotels nel Centro di Roma – Non ci si può improvvisare perché si rischia di non raggiungere gli obiettivi economici immaginati e come in tutti i settori, vi sono dettagli importanti che solamente i professionisti conoscono”.

Dettagli, conoscenza, esperienza che fanno da spartiacque tra un investimento redditizio ed invece molti grattacapi: dalla scelta strategica della zona (a Roma, come si potrebbe credere, non sono tutte altamente “redditizie”), la scelta dell’immobile, il canone di affitto, un efficace studio tecnico-amministrativo, il giusto numero delle camere e la tipologia modulare delle stesse, sino alla gestione delle tariffe (il cosiddetto revenue management).

“Partendo da circa 300mila Euro si può dar inizio ad un’attività che cominci immediatamente ad incassare ma consiglio però di non attendere molto tempo. – conclude Tiziano Meoni – Perché per ora le licenze turistico-ricettive non sono contingentate ma credo che inevitabilmente prima o poi il Comune di Roma porrà un freno e quindi i margini temporali  non sono illimitati”.

Archiviato in