PMI

Moda: nascerà asse Marche-Lombardia

Annuncio a convegno Camera Marche.Acquaroli, presto notizie voli

(ANSA) - MONTEGRANARO (FERMO), 29 SET - Un asse della moda fra le Marche e la Lombardia. Ad annunciarlo in un convegno a Montegranaro promosso da Camera Marche e dalla sua azienda speciale Linea per fare il punto delle prime fiere in presenza, dal Micam a Lineapelle, il vicepresidente e assessore allo Sviluppo economico della Regione Mirco Carloni. "Un'idea nata all'opening del Micam X (innovation hub del Micam, ndr) - ha spiegato -: un accordo di sviluppo con la locomotiva economica d'Italia che abbia come elemento aggregante il modello di business e la filiera per superare i rispettivi blocchi entro cui operano le due tipologie di aziende calzaturiere: tecnico-produttivo nelle Marche, commerciale in Lombardia", secondo una nota diffusa da Camera Marche. Carloni ha ricordato anche "le traiettorie di ricerca applicata e condivisa sul sistema moda e persona, messe a punto dopo la prima ricognizione nel Fermano condotta a luglio dalla Regione con Confindustria e Camera Marche". prospettive che però richiedono di sciogliere il nodo infrastrutture: il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli ha confermato che a fine mese si avranno notizie sul bando che dovrebbe assicurare il collegamento del territorio ai maggiori hub nazionali e internazionali. In generale, secondo il governatore, il Pnrr "consentirà di riempire il gap infrastrutturale". Acquaroli ha parlato di incontri e collaborazione con altre regioni, di dorsale Adriatica, Pedemontana Umbria e Lazio, Fano-Grosseto (e relativa possibilità di barriere fono assorbenti), naturalmente di A14 e si è detto ottimista" sulla velocizzazione dei lavori per il prolungamento della terza corsia". E sempre in tema di Pnrr, l'assessore regionale al Bilancio Guido Castelli ha sottolineato la necessità di spendere i fondi "con accuratezza oltre che con tempestività". Al termine dell'incontro il presidente di Camera Marche Gino Sabatini ha sottolineato l'importanza della dimensione regione dell'ente camerale "per contare a Milano", ma ora la filiera istituzionale deve restare salda "per concretizzare le idee emerse in fiera intercettando le esigenze degli imprenditori, come pure le migliori linee di finanziamento. Il primo nodo da sciogliere è quello infrastrutturale, a partire dall'apertura sul volo per Milano, Linate, auspicabilmente". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie