Percorso:ANSA > Mare > Uomini e Mare > La Federazione del Mare al Parlamento UE

La Federazione del Mare al Parlamento UE

Conferenza “Future for Ocean Governance and Blue Growth

03 aprile, 18:09
(ANSA) - GENOVA, 3 APR - E' stata Laurence Martin, vicesegretario generale della Federazione del Mare, a rappresentare l'Italia, che al momento detiene anche la vicepresidenza dell'ENMC (European Network of Maritime Clusters), in occasione della conferenza "Future for Ocean Governance and Blue Growth", organizzata con la partecipazione delle principali istituzioni marittime dal deputato europeo portoghese José Inácio Faria, della commissione Ambiente.

Martin ha ricordato che l'economia blu dell'UE sta crescendo costantemente e che, con un fatturato di oltre 560 miliardi di euro, crea posti di lavoro per quasi 3,5 milioni di persone.

"L''Europa è una grande potenza marittima: il 90% del commercio internazionale, l'80% del commercio estero dell'UE e il 40% del commercio interno dell'UE utilizzano la navigazione. Inoltre, gli armatori europei controllano quasi il 40% della flotta mercantile mondiale e sono attori chiave nello shipping".

Lo shipping - ha quindi ricordato la portavoce dei cluster marittimi europei - rappresenta il 3,1% delle emissioni globali di CO2 e senza l'adozione di misure adeguate, le emissioni prodotte dalle navi aumenterebbero ulteriormente nei prossimi anni (fino al 250% entro il 2050, secondo alcune fonti). Ridurre le emissioni di gas-serra dello shipping è quindi fondamentale e su questo l'industria marittima si sta impegnando e condivide la norma dell'International Maritime Organization (IMO) che stabilisce al 2050 una crescita delle emissioni di gas-serra limitata al 50% del livello del 2008. Inoltre, dal 2020 entrerà in vigore in tutto il mondo la normativa IMO che prevede un limite di 0,5% dello zolfo nei carburanti marini.

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: