Sacrestano aggredito perché nero: 'Ora ho paura'

In pieno giorno a Gallarate, l'aggressore ha precedenti

Aggredito perché nero in pieno giorno: è successo al sacrestano della Basilica di Santa Maria Assunta di Gallarate, nel Varesotto. Un aggressione che ha causato a Deodatus Nduwimana, italiano originario del Burundi da quasi 20 anni sacrestano della basilica, una lussazione. Nduwimana ha spiegato che finora c'erano state da parte della stessa persona solo insulti e minacce a parole. "È successo in pieno giorno - ha riferito a Varesenews il sacrestano annunciando che presenterà denuncia -, stavo andando ad aprire la basilica, lui era lì come sempre e mi ha spinto dopo avermi insultato. Ho paura per la mia vita. Questa persona è sempre in piazza, è un nullafacente e mi ha preso di mira".

    L'aggressore ha precedenti e in passato avrebbe anche sfasciato il pronto soccorso.
   

Al sacrestano arriva la solidarietà della pastorale dei migranti dell'arcidiocesi Ambrosiana, di cui Gallarate fa parte. "Coraggio Deodatus, nonostante le apparenze attuali, la cattiveria, la violenza, l'ignoranza e la stupidità non prevarranno" ha scritto su Facebook il responsabile dell'ufficio don Alberti Vitali, che ha espresso la "solidarietà della Pastorale diocesana dei Migranti della diocesi di Milano". Lo "abbiamo incontrato in occasione della Festa delle genti nella scorsa Pentecoste - ha ricordato -. Abbiamo ascoltato la sua interessante testimonianza e ci ha aiutato nella realizzazione di questo importante evento diocesano".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano
      Aeroporto Malpensa