Biodiversità: Petrini, non sia soggetta a leggi del mercato

MILANO - "L'umanità ha perso il 75 per cento della biodiversità negli ultimi 150 anni. L'abbiamo persa perché questo sistema economico non funziona, uccide ed è responsabile, come ha detto anche Papa Francesco". Lo ha spiegato il fondatore di Slow Food, Carlo Petrini, intervenendo alla serata di presentazione del calendario Lavazza 2018 a Milano. Petrini è stato immortalato insieme ad altri personaggi dall'obiettivo del fotografo Platon come ambasciatore della sostenibilità per gli obiettivi di sviluppo sostenibile al 2030. Questo sistema economico "è concentrato sulla produzione, sul consumo, sul pil ma senza pensare alla sostenibilità - ha aggiunto - predilige i frutti e le specie animali e vegetali che sono più produttive. Ma invece vanno difese tutte perché la biodiversità non deve essere soggetta alle leggi del mercato". Infine Carlo Petrini nel suo intervento ha lanciato un appello: "questi obiettivi devono essere di tutti ma serve più informazione. Anche le aziende devono fare questo passaggio, cioè destinare parte dei loro budget all'informazione".

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>