Lazio
  1. ANSA.it
  2. Lazio
  3. Castellitto, in Crazy for football calcio aiuta a 'guarire'

Castellitto, in Crazy for football calcio aiuta a 'guarire'

Film Tv da storia vera a Festa Roma e il primo novembre su Rai1

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il percorso per la creazione della squadra italiana per il primo campionato mondiale di Calcio per pazienti psichiatrici, nato nel 2016 e vinto dall'Italia nella seconda edizione, del 2018 a Roma, erano già state esplorate nel 2017 da Volfango de Biasi in un documentario, Crazy for football, vincitore del David di Donatello e in un libro (Longanesi). Ora il cineasta ha tratto da quella esperienza, anche un film tv (sempre intitolato Crazy for football) con protagonista Sergio Castellitto in un cast che comprende Max Tortora, Antonia Truppo, Lele Vannoli, Angela Fontana, Massimo Ghini e Cecilia Dazzi. Il racconto, coprodotto da Mad Entertainment e Rai Fiction, presentato alla Festa del Cinema di Roma arriverà in prima serata su Rai1 il primo novembre "e chissà che non ne nasca anche una serie" dice il regista.
    Castellitto aveva visto il documentario "che mi aveva travolto e qui ho trovato una buonissima sceneggiatura - spiega l'attore -. La materia della psiche è intrinseca al mio mestiere ed è un mondo che ho già frequentato, da Il grande cocomero a In treatment". Il calcio "è un gioco di squadra, che qui diventa un mondo nel quale si aggregano solitudini, come quella del disagio mentale. Sono potuto entrare in un mondo di ragazzi e uomini fermi per i traumi e di vedere come un'esperienza come questa possa aiutare a 'guarire' anche se la parola è impropria". Nella storia Castellitto è lo psichiatra Saverio Lulli (personaggio ispirato a Santo Rullo, medico che da 30 anni è fra i principali sostenitori del recupero dei pazienti anche attraverso il calcio con tanto di squadre create dalle Asl, tornei, campionati locali e nazionali, fino al mondiale, ndr).
    Saverio, pur non avendo il supporto di colleghi e superiori, convinto del valore a scopo terapeutico dell'esperienza, mette in gioco tutto per portare avanti il primo mondiale di calcio a cinque per squadre formate da pazienti psichiatrici. Un compito nel quale lo aiutano l'assistente Paola (Truppo); Zaccardi (Tortora), allenatore ed ex calciatore ludopatico, e la figlia adolescente Alba (Fontana). Il percorso di selezione della squadra fino alle partite, rivelerà punti di forza e fragilità degli speciali giocatori. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Muoversi a Roma



        Modifica consenso Cookie